La tonnara di Santa Panagia 1

spanagia1.jpgLa piccola baia di Santa Panagia con la sua antica tonnara è senza dubbio uno dei tratti più celebri della costa siracusana. Sono in pochi a non conoscerla  per esperienza diretta o per averne letto sulle cronache dei giornali locali. Su questo piccolo tratto di costa infatti si è detto (e fatto) di tutto. Fiumi di inchiostro sono stati spesi e altrettanti se ne potrebbero ancora spendere per parlare della sua storia e del suo futuro. Ecco anche il perché della numerazione del titolo di questo articolo: la volontà di dedicare col tempo un ciclo di post all’argomento, affrontandolo in tutti i suoi aspetti.
D’altra parte il luogo lo merita: una piccola baia nella scogliera rocciosa con una minuta spiaggetta. I ruderi dell’antica spanagia2.jpgtonnara costruiti a strapiombo sul mare. Il profilo dell’Etna visibile in lontananza nei giorni sereni. A leggerla così sembra di descrivere un posto paradisiaco ma così non è in quanto bisogna poi scontrarsi con la cruda realtà: sotto il profilo dell’Etna lunghe file di petroliere attraversano il mare dirette alla zona industriale. Fare il bagno in quelle acque e del tutto sconsigliabile (anzi vietato) sia per l’inquinamento industriale che per l’incredibile scarico fognario che ancora oggi sversa direttamente in mare (anche se di mese in mese viene assicurato che ormai lo scarico ha i giorni contati). L’antica tonnara ? E’ realizzata in un posto suggestivo e potrebbe o vorrebbe essere un punto di riferimento importante per riqualificare quella zona della città. Si è parlato ad esempio di musei del mare e musei paleontologici ma, ad oggi, vi è solo una recinzione parzialmente divelta ed i soldi dei restauri recenti che mese dopo mese vengono vanificati dallo stato di abbandono. Le discariche abusive da bonificare sono poi in numero incalcolabile.
spanagia3.jpgInsomma oggi la baia di Santa Panagia è il luogo cittadino per eccellenza dove si scontrano bellezza naturale e scempio ambientale ma che, nonostante tutto, conserva un non so che di magico.
Ma soprattutto la zona della tonnara per Siracusa è una scommessa per il futuro, un banco di prova per la reale volontà della città di rimediare agli scempi del passato. Saranno i prossimi anni ed i progetti realizzati o abbandonati a dirci se la baia di Santa Panagia diverrà il vero simbolo della rinascita cittadina o rimarrà soltanto l’ennesimo emblema dei sogni mai realizzati.

Immagini: Natura e petroliere nella baia di Santa Panagia (foto di S.Leggio)