Scaldiamo i muscoli per la Siracusa City Marathon

siracusa-city-marathon.jpgTutti pronti per la corsa cittadina più attesa dell’anno ? E’ proprio il caso di cominciare a scaldare i muscoli visto che questa domenica si terrà la Siracusa City Marathon che quest’anno giunge alla sua XII edizione. Anno dopo anno questa manifestazione sportiva ha guadagnato in consenso, fama e partecipanti, riuscendo a coinvolgere anche quanti non sono assidui praticanti di questo sport. Questo grazie ai percorsi accattivanti scelti (in parte in città, in parte fuori) ed alle diverse modalità di partecipazione. Anche per il 2010, infatti, la maratona classica, che coinvolge atleti da tutta Italia e anche dall’estero, verrà affiancata da altre competizioni come la mezza maratona e la 10 chilometri.
La più attesa dalla cittadinanza è però la stracittadina che con il suo piacevole percorso di meno di 2 Km attraverso le vie di Ortigia, consente la partecipazione di appassionati di ogni età e preparazione atletica. Non importa vincere o ottenere il tempo migliore ma semplicemente fare una piacevole passeggiata di massa per il centro storico, con gli amici o, perchè no, anche in compagnia del nostro amico a quattro zampe. Anche quest’anno la stracittadina sarà LILT marathon in quanto sosterrà le iniziative della Lega Italiana per la Lotta ai Tumori. Le iscrizioni alla maratona sono possibili fino a poco prima della gara o, in questi giorni, tramite gli stand in piazza Pancali, al campo sportivo siracusa-city-marathon2.jpgDi Natale o presso i negozi convenzionati. Ogni iscritto riceverà un pacco gara con un maglietta, una medaglia ricordo e dei gadget.
La partenza della Siracusa City Marathon avrà luogo domenica 30 gennaio alle ore 9 da piazza Duomo. I tanti partecipanti invaderanno poi festosamente il centro storico passando dalla Fonte Aretusa e dal Lungomare di Levante per poi raggiungere Corso Umberto e dirigersi fuori città e correre nella zona della Fonte Ciane. L’arrivo è previsto nuovamente in Ortigia, al Tempio di Apollo.
Una domenica diversa ed all’insegna dello sport quella che si avvicina. Ai tanti che vorranno soltanto assistere lungo il percorso o fare la tradizionale passeggiata in Ortigia si raccomanda di posteggiare le proprie vetture sufficientemente distante per evitare ingorghi e file e di avere pazienza per gli inevitabili contrattempi che si vengono sempre a creare con manifestazioni di simile portata. Maggiori informazioni sul percorso e sulle modalità di iscrizione sono reperibili sul sito ufficiale www.maratonadisiracusa.it

Immagini: due momenti dell’edizione 2010 della Siracusa City Marathon (foto: S.Leggio/Sicilystockphoto.com)



Uno sguardo agli eventi del week-end

maniace-night.jpgAnche questa settimana volge al termine e, in attesa delle manifestazioni natalizie ormai alle porte, proviamo un po’ a vedere cosa ci offre Siracusa questo week-end. Le iniziative pubbliche e private sono numerose e varie, elenchiamone allora qualcuna.
Per gli amanti della cultura, in particolar modo della storia e dell’archeologia, segnaliamo un’interessante convegno che si terrà oggi pomeriggio. Titolo dell’evento “Gli Ebrei e Federico II“, una serie di relazioni che prendono spunto dagli ultimi lavori di restauro effettuati al castello Maniace. Sono previsti quattro interventi tra cui quello dell’ex soprintendente ai beni culturali, Mariella Muti. Il convegno comincerà alle ore 17 a Palazzo Greco, in corso Matteotti 29 e vede il patrocinio della Regione Siciliana, dell’Università di Catania, della Soprintendenza di Siracusa e della Fondazione Federico II. Il programma completo è reperibile a questo link.
Sabato 27 e domenica 28 novembre, invece, gli spazi dell’antico mercato di via Trento ospiteranno un evento dal carattere più “giocoso”. Si tratta della prima edizione dell’esposizione di modellismo statico e dinamico. La mostra sarà visitabile nel week-end dalle ore 9 alle 23 e darà la possibilità di ammirare accurati modelli in tutti i principali campi del modellismo: ferroviario, navale, aereo ed automobilistico. E’ previsto anche un mercatino per collezionisti ed una pista di slot car, quella particolare branca del modellismo automobilistico che prevede le corse di automobili in miniatura su circuiti elettrificati… insomma, un sapori-perduti.jpgsogno che molti portano dentro fin dall’infanzia. Recapiti ed informazioni sull’evento sono disponibili a questo link.
Per quanti amano i mercatini, le sagre ed i prodotti tipici, si segnala invece l’apertura, sabato 27 novembre, della manifestazione agroalimentare “Sapori perduti”. Questa fiera, dedicata in particolar modo ai prodotti alimentari tipici, si terrà nel quartiere Tiche, confermando l’impegno a decentrare rispetto al centro storico una parte delle manifestazioni cittadine. L’appuntamento pertanto è in viale Santa Panagia, nelle vicinanze del tribunale, dalle ore 8.30 alle ore 20.30. Verranno montati gazebi e bancarelle per l’esposizione e la degustazione dei prodotti. L’intera manifestazione “Sapori perduti” si protrarrà per tre giornate con tematiche diverse. Domani sarà la volta della “Magia del dio Bacco”, con una predilezione per i vini novelli, come il titolo fa intendere. La manifestazione sarà allietata nel pomeriggio anche da un’esposizione di auto d’epoca e del Vespa club. Sabato 4 dicembre  e mercoledì 8 dicembre saranno invece dedicati rispettivamente a “L’oro verde del Mediterraneo”, l’olio d’oliva e “Street food – cibo da strada”, che volgerà l’attenzione ai piatti della tradizione siciliana. Il manifesto ufficiale dell’iniziativa è disponibile a questo link.

 


Dolce e salato ad Akradina

Nel mese di Ottobre anche la circoscrizione Akradina avrà i suoi eventi. Grazie ad un’iniziativa promossa dal consiglio di quartiere, dal comune e dal CE.NA.CO., già dallo scorso sabato e per tutti i restanti sabati di ottobre, si svolgerà la manifestazione “Dolce e salato… un viaggio alla scoperta dei sapori“.
frutta-secca.jpgSi tratta di una bella occasione per decentrare gli eventi cittadini che, nella maggior parte dei casi, trovano ospitalità nel centro storico.
L’iniziativa vuol essere un viaggio alla scoperta del gusto e dei sapori che si svolgerà in Viale Tisia con la partecipazione di numerosissimi espositori di prodotti tipici. La manifestazione avrà luogo, come detto ogni sabato dalle 8.30 del mattino fino alle 20.30 di sera.
Tante le ghiottenerie esposte: dai formaggi al vino, dalla frutta di stagione alle mostarde. Punto di richiamo saranno anche la preparazione sul posto della ricotta e del cous cous, anche in una versione adatta per celiaci e diabetici.
Nell’ambito della manifestazione verrà anche allestita un’apposita “area bambini” con tanti spettacoli e divertimento per i più piccoli.
Ogni sabato avrà un tema diverso. Il prossimo 16 ottobre si terrà la festa del formaggio, del miele e della pesca incoppata. Il 23 ottobre sarà la volta della festa del ficodindia e della ricotta. Infine, il 30 ottobre, si svolgerà la festa dei loti e dei piatti tipici locali.

Riscoprire le ferrovie abbandonate

ferrovia-pachino1.jpgDa anni ormai, in Sicilia, il trasporto ferroviario, anzichè fare passi avanti in termini di qualità, va invece a regredire. E’ così che col tempo le province siciliane contano sempre più tratte ferroviarie abbandonate che, a poco a poco, vengono ricoperte dalla vegetazione fin quasi a scomparire.
Cosa fare di questo residui di archeologia industriale ? Le soluzioni e le proposte sperimentate in questi anni sono varie, si veda ad esempio il caso della pista ciclabile di Siracusa sorta proprio sull’ex cintura ferroviaria che “strozzava” la città.
In alcuni casi privati ed associazioni propongono il recupero e l’utilizzo a fini turistici di tratti di linee ferrate che attraversano zone del territorio particolarmente suggestive.
E’ il caso della ferrovia abbandonata Noto-Pachino, nella parte meridionale della provincia e della sezione siracusana dell’associazione Ferrovie Siciliane, un gruppo di “appassionati di treni” che con il loro impegno puntano alla tutela e alla conservazione del patrimonio storico e tecnico del trasporto pubblico siciliano.
In particolar modo, questa domenica si terrà una manifestazione simbolica lungo la tratta ferroviaria Noto-Pachino o più suggestivamente la “ferrovia del vino“. Grazie all’appoggio di Ferservizi e di vari altri enti e gruppi di volontariato, in occasione della Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate è stato ripulito da erbacce e rifiuti un tratto della vecchia stazione Roveto  Bimmisca. Domenica 14 marzo, a partire dalle ore 9.30 e per tutto l’arco della giornata, presso la stazione, l’associazione organizza una serie di attività di sensibilizzazione per appoggiare il riutilizzo per fini commemorativi e turistici di questo tratto di ferrovia.
Ogni ora, a partire dalle 9.30 si svolgeranno delle escursioni guidate a piedi lungo l’antico percorso che attraversa un suggestivo tratto della campagna siracusana circondato da folti frutteti.
Quanti volessero maggiori informazioni o volessero prendere parte all’evento possono consultare il sito internet dell’associazione o l’apposito gruppo su Facebook.

Foto: La stazione di Pachino (Roberto Cocchi)

Anche Siracusa si illumina di meno

Da alcuni anni è ormai divenuto un appuntamento fisso la manifestazione nazionale “M’illumino di meno“, promossa dalla trasmissione radiofonica Caterpillar di Radio2 RAI. Si tratta di una serie di eventi, organizzati in tutta Italia, per sensibilizzare in vari modi sui temi del risparmio energetico.
Anche a Siracusa, da diversi anni, si organizzano appuntamenti legati a questa importante giornata di salvaguardia ambientale.
codas.jpgPertanto, se questa sera, passeggiando nel centro storico troverete Piazza Duomo a “luci spente“, non meravigliatevi: non si tratta di un guasto. L’associazione ambientalista Natura Sicula ha organizzato una fiaccolata simbolica ed ha richiesto al Comune di aderire simbolicamente a “M’illumino di meno” spegnendo per alcune ore le luci della piazza centrale.
Le torce delle fiaccole saranno alimentate dagli olii vegetali esausti che l’associazione da alcuni mesi raccoglie tra soci e sostenitori.
Altra associazione cittadina che da anni aderisce a “M’illumino di meno” sono gli astrofili del CODAS (Centro Osservazione e Divulgazione Astronomica – Siracusa) che da sempre lottano sul fronte dei temi della lotta all’inquinamento luminoso ovvero lo spreco di illuminazione pubblica e privata anche in contesti dove non è necessaria e la contestuale scomparsa del cielo stellato.
Ogni anno il CODAS ha organizzato una serata di osservazione astronomica pubblica in piazza Duomo mettendo a disposizione i propri strumenti astronomici.
Sebbene programmata, al momento, l’associazione non è in grado di confermare lo svolgersi della manifestazione a causa di intoppi burocratici legati al rilascio delle autorizzazioni e (cosa non indifferente) a causa delle condizioni meteo avverse che in ogni caso impedirebbero l’osservazione del cielo.
Per aggiornamenti sulle attività previste domani si segnalano pertanto i seguenti siti internet:

Il sito nazionale della manifestazione “M’illumino di meno”
Il sito dell’associazione ambientalista Natura Sicula
Il sito dell’associazione astrofili CODAS

Luci a Siracusa ma… senza presepe

luci-a-siracusa.jpgOrmai ci siamo, Natale è alle porte e in città si respira sempre l’atmosfera magica ma anche un po’ frenetica della festività più attesa dell’anno.
A breve ci si riunirà in famiglia e (se non lo avete già fatto) si addobberanno gli alberi mentre la città già da qualche giorno si è vestita a festa con addobbi e luminarie.
Per rendere in pieno l’atmosfera di festa, quest’anno, è stato rinnovato il tradizionale appuntamento con “Luci a Siracusa“, il cartellone di manifestazioni natalizie giunto ormai alla sua quarta edizione.
Nei prossimi post su questo blog vedremo maggiori dettagli sugli eventi previsti nel corso di “Luci a Siracusa” in quanto si tratta di un programma molto ricco e articolato che non terminerà il 6 gennaio come gli anni passati ma si protrarrà fino al mese di marzo cedendo poi idealmente il passo al grande evento delle rappresentazioni classiche. Un’idea fortemente voluta per rendere Siracusa una città “viva” in tutti i mesi dell’anno e promuovere la più volte decantata destagionalizzazione del turismo. A questo si aggiunge il fatto che gli eventi coinvolgeranno tutti i quartieri cittadini.
Il cartellone di eventi è un ricco connubbio di attività promosse dal Comune ma anche dalla Soprintendenza ai beni culturali e dal Museo “Bellomo”. Si alterneranno momenti musicali, spettacoli teatrali, mostre, visite guidate.
Si parte questa sera alle ore 21.15 con un concerto di musica Jazz all’Antico mercato di Ortigia e con il “Wiener opernball Ladies Ensamble Tour 2009” che si esibirà sempre oggi all’ASAM di via Torres.
Nell’euforia di un lungo periodo pieno di eventi fatto di nomi celebri ma anche di valorizzazione di artisti locali dispiace però al contempo registrare la scomparsa di un’altro tradizionale appuntamento natalizio siracusano: il presepe vivente di Balza Akradina.
Per tanti anni la Balza Akradina, subito al di sotto della Cittadella dello Sport, con le sue grotte è stata la sede naturale di uno stupendo presepe vivente apprezzato da grandi e piccini. Animali da fattoria e anziani artigiani rendevano viva e cordiale l’atmosfera di quelle fredde pietre. Un primo segnale di crisi si era già registrato lo scorso anno con la sostituzione degli attori in carne ed ossa con delle statue. Quest’anno, per mancanza di fondi, è stato annunciato che il tradizionale presepe non avrà luogo. Un vero peccato anche perchè sicuramente, organizzando per tempo, si sarebbero potute coinvolgere associazioni ecclesiastiche o di volontariato per contenere i costi o raccogliere sponsorizzazioni private che certamente non sarebbero mancate per ravvivare una zona della città con pochi eventi che, in occasione del presepe, ospitava invece sempre migliaia e migliaia di visitatori.

Osservare le stelle… anche d’autunno

telescopio.jpgSe appartenete alla folta schiera di coloro che amano osservare il cielo stellato, non perdete sabato 28 novembre l’appuntamento con la manifestazione “La Notte di Galileo”.
Si tratta di una serata di osservazione astronomica ad occhio nudo e al telescopio aperta al pubblico che si svolgerà a partire dalle ore 21 in piazza Duomo.
L’evento è promosso dall’associazione di astrofili C.O.D.A.S. (Centro Osservazione e Divulgazione Astronomica – Siracusa) e fa parte di una serie di serate analoghe promosse in tutta Italia dall’U.A.I. (Unione Astrofili Italiani).
La serata richiama il noto Galileo Galilei in quanto il 2009 è “L’anno dell’astronomia”, e si commemora con una serie di iniziative il quarto centenario delle osservazioni astronomiche compiute dal pisano.

Il 28 di novembre saranno visibili in cielo alcuni degli oggetti celesti osservati da Galileo: la Luna e il pianeta Giove.
Il pubblico presente in piazza Duomo avrà modo di essere introdotto dai volontari del CODAS alle meraviglie della volta celeste. In realtà, la città, con le sue luci artificiali non è il luogo ideale per compiere delle osservazioni del cielo. Nonostante ciò, dei responsabili dell’associazione, con l’ausilio di un potente puntatore laser illustreranno ai partecipanti le costellazioni visibili nel cielo autunnale ed i miti ad esse legati. Un modo per imparare ad orientarsi nella volta celeste, cosa oggi sempre più spesso ignorata.
Al contempo saranno presenti in piazza diversi telescopi che punteranno gli oggetti più luminosi del cielo. Guardando attraverso l’oculare si potranno osservare in dettaglio i crateri, le montagne ed i “mari” lunari oppure sarà possibile vedere le bande di nubi scure sul disco del pianeta Giove ed i satelliti galileiani che ruotano attorno al pianeta gigante.
Insomma, questo sabato copriamoci per benino e andiamo tutti in piazza Duomo ad osservare il cielo in barba alle temperature rigide.
Maggiori informazioni sulla serata sono disponibili sul sito internet dell’associazione www.codas.it o possono essere richieste direttamente presso la sede del CODAS in largo Amedeo di Savoia nei pressi della Porta Marina (apertura ogni venerdì dalle 18 alle 20).

Foto tratta da www.iau.org

Un’estate siracusana povera di eventi

concerto_siracusa.jpgSarà capitato anche a voi: verso sera, quando le torride temperature diurne cominciano a dare tregua, torna improvvisa la voglia di prendere un po’ d’aria, di fare una passeggiata e magari assistere ad uno spettacolo o ad un qualche evento in città. E’ allora che ti rendi conto di non aver visto in giro né manifesti né pieghevoli con il programma degli spettacoli estivi. Per nulla scoraggiato ti colleghi allora ad internet, al sito del comune sperando di trovarvi maggiori informazioni. E’ allora che capisci che la verità è che il cartellone di spettacoli estivi programmati a Siracusa è alquanto scarno se non addirittura inesistente. Leggi gli appuntamenti e invidi i tanti comuni del circondario che magari non avranno in cartellone eventi di spicco ma, se non altro, hanno organizzato numerosi appuntamenti, per tutti i gusti per i loro concittadini. A Siracusa si sarà invece costretti al fai-da-te. E’ vero che esiste il programma dell’Estate Siracusana. Dandogli un rapido sguardo però ci accorgiamo che in realtà non c’è molta “carne al fuoco” e anzi viene il sospetto che sia frutto di improvvisazione dal momento che viene integrato giorno dopo giorno. Ci sono diversi appuntamenti dedicati ai concerti ed alla musica. Si tratta però di iniziative di associazioni culturali (e oltretutto gli appuntamenti sono sospesi fino a settembre: altro che estate siracusana). Ci sono i concerti al Palalive di Fontane Bianche con alcuni nomi di spicco ma anche questo solo grazie all’imprenditoria privata. Cercare informazioni sul concerto di Katia Ricciarelli risulta abbastanza infruttuoso. Saprete giusto il luogo ed il costo dei biglietti ma nulla sul programma. A tirare le somme pochi appuntamenti e nessuno realmente organizzato dal comune. Si pensa con nostalgia al chiassoso Ortigia Festival che animava le vie del centro storico negli anni passati. E si pensa anche che da anni a Siracusa non si tiene più una sfilata di carri di carnevale o qualche evento degno di nota la notte di Capodanno. Siracusa città troppo seriosa o forse gli amministratori dovrebbero cominciare a pensare un po’ di più anche al divertimento dei loro cittadini ?