In ricordo di Elio Vittorini

vittorini.jpgSarà inaugurata questa mattina “Casa Vittorini“, con la quale Siracusa intende ricordare quello che, probabilmente, è il suo letterato più illustre: Elio Vittorini. Lo scrittore, autore di “Conversazione in Sicilia”, nacque infatti nella nostra città nel 1908, sebbene poi abbandonò la Sicilia già in giovane età.
Casa Vittorini, ubicata in via Brenta 41 raccoglierà lo studio e la biblioteca del letterato, oltre che le sue opere artistiche. Per l’allestimento ci si è avvalsi dell’opera del Prof. Paolo Giansiracusa.
Si tratta di un importante passo per ricordare questo importante personaggio di origini siracusane, noto anche per le sue numerose traduzioni di testi americani, fatte in un periodo, il ventennio fascista, in cui la diffusione della letteratura straniera non veniva favorita.
Tutt’ora nel popolare quartiere ortigiano della Mastrarua esiste la casa natale dello scrittore e, sebbene, con scarse fortune, in passato, si è più volte tentato di dar vita anche ad un parco letterario legato ad Elio Vittorini, sull’esempio di quelli esistenti in altre città italiane.
L’inaugurazione di Casa Vittorini avverrà anche con la presenza di Demetrio Vittorini, figlio di Elio oltre chè figlioccio di Salvatore Quasimodo ed Eugenio Montale.
Giovedì 30 settembre, infine, presso il museo del cinema di via Alagona, in Ortigia, si terrà la proiezione del film “Garofano rosso” che venne tratto da uno dei romanzi più celebri di Elio Vittorini.