Antigone per l’AVIS

Ricorre oggi la giornata mondiale del donatore di sangue, una delle forme di volontariato più generose e nobili e che ,nel nostro paese, deve ancora trovare maggiore sviluppo.
Si tratta di una tematica importante, soprattutto con l’avvento della stagione estiva quando il numero delle donazioni va sempre diminuendo.
teatro_greco.jpgE’ importante parlare della tematica e sensibilizzare la popolazione anche con momenti di festa e di incontro. Ecco perchè proprio oggi si terrà a Siracusa un importante evento nazionale che sarà occasione di incontro per le varie delegazioni AVIS ma anche aperta a tutta la cittadinanza.
Si tratta della rappresentazione dell’Antigone di Sofocle. Il dramma verrà messo in scena nella splendida cornice del teatro greco, che in questi giorni ospita le rappresentazioni classiche.
A recitare saranno gli allievi della scuola di teatro “Giusto Monaco” dell’INDA (l’istituto nazionale del dramma antico) e gl allivevi del 3° nucleo internazionale.
Lo spettacolo, ad ingresso gratuito, inizierà alle ore 17.30 e prevede anche interventi di autorità e personaggi celebri. Tra questi il ministro Stefania Prestigiacomo, il presidente della regione Lombardo, il musicista Roy Paci e l’atleta Stefano Barrera, campione nazionale di fioretto. La serata sarà condotta da Nuccio Sciacca.
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell’INDA e sul sito dell’AVIS.

Al via la stagione degli spettacoli classici

teatro.jpgE’ stata inaugurata lo scorso sabato la nuova stagione delle rappresentazioni classiche al teatro greco. Sono in tanti gli appassionati ed i curiosi che andranno a vedere le annuali tragedie classiche messe in scena dall’INDA (l’Istituto Nazionale del Dramma Antico). Che siate appassionati o meno di teatro, una cosa è certa: per poco più di un mese, gli spettacoli, cambieranno il volto della città. A partire  dalla presenza di frotte di visitatori che puntuali, ogni anno, tornano ad affollare Siracusa, appositamente per seguire questo evento unico. E poi vi sarà tutta una serie di eventi collaterali e di iniziative connesse alle tragedie che renderanno più vivo l’ambiente culturale cittadino. Infine (volendo considerare anche il lato meno romantico e culturale) anche gli stravolgimenti del traffico cittadino saranno quelli “tipici” degli spettacoli. Per un mese, vedremo ogni pomeriggio chiuse per diverse ore alcune arterie cittadine per non disturbare le rappresentazioni, con le conseguenti code caotiche sulle strade alternative. Il bello delle rappresentazioni classiche è anche questo.
Quest’anno vengono messi in scena l’Aiace di Sofocle e Fedra di Euripide. I due drammi verranno rappresentati a giorni alterni. Gli spettacoli continueranno fino al 20 giugno tutti i giorni eccetto il lunedì. Nel corso del mese di maggio sono previsti sei giorni con biglietti a posto unico mentre due giorni sono previsti per il mese di giugno. Sul sito delle fondazione INDA è possibile trovare tutte le informazioni sul calendario degli spettacoli, sul costo dei biglietti e sui settori del teatro. I biglietti possono essere acquistati direttamente ai botteghini presenti all’ingresso dell’area archeologica.

Immagine: tragedie classiche al teatro greco nelle passate edizioni (foto: D.Mauro)

Edipo e Medea al teatro greco, il fascino senza tempo delle tragedie classiche

teatro_greco.jpg
Anche per quest’anno il ciclo annuale di rappresentazioni classiche tenute al teatro greco di Siracusa, è quasi giunto al termine.
I due spettacoli scelti per questo ciclo dall’INDA (Istituto Nazionale del Dramma Antico): Medea di Euripide ed Edipo a Colono di Sofocle e messi in scena fin dagli inizi di maggio, concluderanno questa settimana le loro rappresentazioni, rispettivamente sabato 20 giugno il primo e domenica 21 giugno il secondo. Se ancora non lo avete fatto affrettatevi allora per seguire questi spettacoli di grande suggestione. Che siate amanti del teatro o semplicemente curiosi, assistere alla rappresentazione di una tragedia classica sui gradini del teatro greco di Siracusa, vecchio di 2500 anni, è sempre una suggestione particolare. Quest’anno poi la presenza di attori di grande spessore come Giorgio Albertazzi nel ruolo di Edipo ed Elisabetta Pozzi in quello di Medea ha prevedibilmente entusiasmato gli spettatori. E poi una chicca: un delirio di pubblico ha costantemente accompagnato l’arrivo sulla scena di Teseo in groppa ad un bellissimo cavallo… a detta di molti la vera star di questo XLV ciclo delle rappresentazioni classiche.