Un inaspettato regalo alla città

31649893.jpgLa notizia in realtà risale a qualche giorno fa ma le festività natalizie non ci hanno finora consentito di porre l’accento su un’inaspettato regalo alla città da parte del consiglio comunale, in questa fine d’anno. Si tratta della decisione, approvata quasi unanimemente ,di modificare il PRG (piano regolatore generale) che regola l’espansione urbanistica dei prossimi anni. Della vicenda abbiamo avuto modo di parlare in parecchie occasioni tra le righe di questo blog e la perseveranza e l’impegno di numerose associazioni cittadine oltre che di personaggi di fama quali Enzo Maiorca, hanno portato la questione anche alla ribalta nazionale.
Il pericolo era quello di cementificazione selvaggia in alcune delle più belle ed ultime aree incontaminate del territorio siracusano, in primis la costa della Pillirina, lungo la riserva marina del Plemmirio e poi, ancora, l’altipiano dell’Epipoli ed il Porto Grande.
Come c’era da aspettarsi il mondo politico ha applaudito unanimemente a questa giusta decisione di rivedere il piano regolatore scellerato, salvo dimenticare che in molti, fino a pochi mesi, fa lo appoggiavano e sostenevano fosse immodificabile mentre tanti erano anche coloro che lo approvarono in votazione alcuni anni orsono.
Ma tutto è bene quel che finisce bene e, in questo caso si tratta di una vittoria per la cittadinanza siracusana che ha dimostrato che facendo sentire la propria voce le cose possono ancora cambiare. Non si tratta certo di un punto di arrivo ma sicuramente di un nuovo inizio. Tanto  è il lavoro ancora da fare: vigilare e valorizzare la costa, lottare per il previsto parco delle mura dionigiane al posto di innumerevoli e non necessarie villette a schiera e controllare che lo sviluppo del porto turistico non scada in colate di cemento, magari di scadente qualità. Insomma, un bel programma per il 2011 ma, per il momento, da cittadini amanti di Siracusa, godiamoci questa vittoria nell’anno che va terminando.


La città del cemento arriva sul TG3

Fortunatamente, l’attenzione, sul rischio non indifferente che Siracusa diventi “la città del cemento“, continua a rimanere alta. Il soprannome, tutt’altro che inappropriato, è stato dato alla città aretusea dal comitato SOS-Siracusa che raccoglie ormai una cinquantina di associazioni locali oltre a numerosi privati cittadini. Benvenuti nella città del cemento infatti è il titolo di una serie di piccoli documentari amatoriali realizzati dal comitato per sensibilizzare la cittadinanza alla difesa dello splendido tratto di costa, detto della “Pillirina“, su cui si vorrebbe costruire un mega-villaggio turistico.
Le proteste negli ultimi mesi sono state numerose e, di fronte a non poche difficoltà mosse dalla politica locale, per cambiare il PRG (Piano Regolatore Generale), si sta giustamente puntando ad un’ampia azione promozionale, anche su scala nazionale, per far conoscere il rischio ambientale corso dalla città.
maiorca.jpgUn nuovo importante successo si è recentemente aggiunto all’azione di SOS-Siracusa. Anche il TG3 di domenica ha infatti posto la sua attenzione sull’argomento, dedicando alla “Pillirina” un servizio nell’edizione nazionale delle 19. Nel corso del servizio, il campione sportivo Enzo Maiorca, vero personaggio-simbolo in questa battaglia ambientale, ha spiegato le ragioni della protesta. Per quanti volessero vedere il servizio in questione, è possibile visionarlo online negli archivi del TG3.
Sono veramente in tanti, personaggi noti ma anche cittadini e turisti a sperare in un’inversione di rotta. Interessanti testimonianze si possono avere anche visionando anche i quattro documentari dal titolo “Benvenuti nella città del cemento” citati precedentemente. Informazioni e link ai documentari sono disponibili sul sito di SOS-Siracusa.
Purtroppo non vi sono ancora notizie certe sulle decisioni che verranno prese in merito al futuro urbanistico di quel tratto di costa. E’ di recente istituzione un tavolo tecnico sull’argomento che però ancora non ha fornito responsi definitivi. Sarà pertanto nei prossimi mesi che si giocherà la partita per le sorti della “Pillirina”.

Immagini: un momento dell’intervista allo sportivo Enzo Maiorca, nel corso del servizio sul TG3