Eventi siracusani 15-16 dicembre 2012

natura sicula.jpgDomenica 16 dicembre, Natura Sicula organizza l’evento ecologico e gastronomico “Natura in Festa”, in località Santa Lucia di Mendola, S.P. 24 Palazzolo-Testa dell’Acqua km.4, mostra micologica di verdure e tartufi , escursioni, visite guidate e passeggiate naturaliste;

per il ciclo di eventi “Natale a Siracusa”: sabato 15 dicembre ore 16, visita guidata Museo del Mare e domenica 16 dicembre ore 10, visita guidata al Castello Maniace (entrambi con raduno al tempio di Apollo);

sabato 15 dicembre, ore 21, presso basilica Santa Lucia al Sepolcro, concerto di musica sacra “Note per Lucia” , Arpa Duo Erard;

sabato 15 e domenica 16, presso Antico Mercato di Ortigia, via Trento, dalle 10 alle 22, “Donna creativa”, mostra artigianale e di lavori artistici, organizzato da “Obiettivo famiglie federcasalinghe”;

dal 14 al 19 dicembre (eccetto domenica 15) in occasione della settimana di Santa Lucia, presso la catacomba di Santa Lucia, visita guidata alla catacomba e al simulacro, ore 21 e 22, euro 6,00, organizzato da “Kairos”, tel. 0931 64694.

 

Lucia di Siracusa

 

GianniGrilloS.Lucia.jpg13 dicembre, Santa Lucia, Portatrice di Luce, Patrona di Siracusa:

Difendi da ogni male la città di Siracusa, illumina quelli che la governano; preserva i tuoi concittadini dai pericoli e dalle catastrofi naturali.

Porta la gioia alle persone sole e agli anziani; fa’ che ci adoperiamo affinché a nessuno manchi il pane, il lavoro e una casa; dai sollievo agli ammalati, allevia il dolore di chi soffre.

Custodisci nell’unità e nella serenità le nostre famiglie. Proteggi i fanciulli; dona ai giovani ideali nobili e la forza di viverli.

Suscita sante vocazioni alla vita consacrata e sostieni i sacerdoti e i religiosi nella via della santità.

Donaci occhi per vedere le necessità e le sofferenze dei fratelli; fa’ che ci impegniamo lealmente al servizio dei poveri e dei sofferenti.

O Santa Lucia, discepola di Cristo Signore e modello di santità, presenta Tu alla Santissima Trinità la supplica del popolo siracusano che ti ama e ti invoca come potente protettrice. Amen!

(dalla preghiera a Lucia di Monsignor Pappalardo, Arcivescovo di Siracusa)

Conferenza Legambiente sul polo industriale

 

Cover_Sentieri_2011.jpgPer “conoscere e comprendere le cause dei danni. Ripararli per uscire dall’era dei guasti ambientali e sanitari. Ritrovare un agire gentile verso il mondo ei suoi abitanti”. Parole (e non solo) di Legambiente, e tra le molteplici attività della sezione di Siracusa si distinguono anche i progetti propositivi sulla ricerche per le conversioni degli impianti industriali della provincia. In particolare martedì 11 dicembre alle ore 18.30 presso Palazzo San Biagio di via Roma ad Augusta, Legambiente organizza una conferenza sul tema dell’impatto sulla salute del triangolo industriale Augusta-Priolo-Melilli sullo stato delle ricerche, evidenze e indicazioni di sanità pubblica, alla quale parteciperanno e relazioneranno il direttore sanitario dell’ASP di Siracusa e i ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità e del Consiglio Nazionale delle ricerche di Pisa. Sarà inoltre presentata la ricerca nazionale, finanziata dal Ministero della Salute, denominata “Sentieri” (Studio Epidemiologico Nazionale  dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio d’Inquinamento” su 44 siti inquinati italiani.   

Eventi a Siracusa del primo weekend natalizio

 

Ortigia_Antiquaria_12.JPGIl 7, 8 e 9 dicembre all’Antico Mercato di via Trento, la nuova edizione di “Ortigia Antiquaria”, salone dell’antiquariato, artigianato, collezionismo e mostra mercato, orari apertura-chiusura 10-21;

fino al 20 dicembre, presso la Galleria Civica d’Arte Contemporanea Montevergini, la mostra “Surrealismo Romantico” degli artisti Fabio Amato e Paolo Morando, organizzazione Eleonora Romano per “Diapason Studio”;

da sabato 8 a lunedì 10 dicembre, presso ex convento del Ritiro di via Mirabella 31, mostra di artigianato a cura dell’Associazione Indipendente Donne Europee.

Da Augusta a Salerno via mare

audacia.JPGDall’8 novembre la città  di Siracusa e tutta la Sicilia orientale sono più vicine alla penisola italiana. E’ infatti operativa da un mese la nuova linea marittima intermodale dal porto di Augusta a quello di Salerno, che si sviluppa per un tempo medio di transito di 12 ore tutti i martedì, i giovedì e i sabato alle ore 23. Sul mensile aretuseo “L’Artigiano”, numero di novembre, organo ufficiale delle associazioni dell’artigianato, del commercio, del turismo e dell’agricoltura, si traccia il primo bilancio della tratta Grimaldi Lines e della motonave “Audacia” che consente infatti il trasporto di merci, passeggeri e auto direttamente dalla provincia di Siracusa, evitando la trasferta verso il capoluogo di regione o verso Trapani (con sbarco a Civitavecchia) e che “permette di raggiungere ad un costo contenuto le prime destinazioni limitando il flusso del traffico in strada, abbattendo i costi e migliorando e migliorando le condizioni di lavoro degli autotrasportatori” (dichiarazione del presidente di CNA FITA, unione trasportatori aderenti a Cna Siracusa).  

Premiata la raccolta differenziata aretusea

un_salto_di_qualita.jpgLa gestione finanziaria della raccolta differenziata a Siracusa? Un successo che porta nelle casse del Comune ben 761.000 euro, fondi stanziati dalla regione siciliana “a favore di quei Comuni che abbiano assicurato l’integrale pagamento dei costi dei servizi, ricevuti al 31 dicembre 2009 per la raccolta, il trasporto e lo smaltimento in discarica dei rifiuti solidi urbani”. Una notizia che sugli organi di stampa non ha avuto il giusto risalto in quanto questa “premialità” rappresenta un raggio di un luce in un periodo in cui i tagli della “spending review” non consentono spazi di manovra particolarmente ampi per le amministrazioni locali. Nello specifico il sindaco di Siracusa ha evidenziato che “la Regione ha certificato la capacità dell’Ente di non indebitarsi nella gestione dei rifiuti e di essere regolare nei pagamenti: è significativo il fatto che Siracusa incassa un premio più che doppio rispetto all’altro capoluogo di provincia, Trapani”.

Grandi scandali e piacevoli sorprese

puglia1.jpgCome tutte le città di una certa estensione e con un numero di abitanti non indifferente, anche a Siracusa ogni giorno si possono riscontrare piccoli e grandi scandali ma anche piacevoli sorprese, in un panorama contraddittorio che sembra aver conferma dalla recente pubblicazione del  “Sole 24 ore” in cui Siracusa risulta essere 94° (su 107 province) nel settore “vivibilità” ma 34° nel settore “affari e finanza” (la migliore del sud, addirittura, chi se ne era accorto?) .

In un periodo particolare in cui il Consiglio comunale tergiversa e arranca sull’approvazione del bilancio di previsione 2012 (2012!), in cui si cerca a trovare soluzioni alle mille problematiche sociali e in cui, invece, la giunta provinciale ha approvato stanziamenti nel settore dei lavori pubblici per oltre tre milioni di euro per edilizia scolastica, manutenzione straordinaria, strade provinciali, pulizie e bonifiche etc., non si può tacere delle situazioni scandalose di alcuni cantieri pubblici ancora aperti dopo vicissitudini per lo più incomprensibili di cui fulgido esempio è il cantiere per l’allargamento e ammodernamento dell’importante arteria stradale di via Puglia (foto), il cui sito versa in condizioni pietose con gli scavi di sbancamento a cielo aperto, cavi e attrezzature libere, indegni spartitraffico in plastica piazzati alla meno peggio sulla mezzeria del manto stradale. Una situazione più volte denunciate dai media e dai cittadini ma che permane a dispetto di qualunque autorità!

robinson1.jpgPer uno scandalo che sembra eterno, un miracolo realizzato in epoca recente ovvero la riapertura, sistemazione e consegna alla fruizione della cittadinanza del famoso parco ”Robinson”, di cui abbiamo potuto esser testimoni nella giornata di domenica (foto), parco che versava in stato di completo abbandono fino a poche settimane fa. Normale a Siracusa, città in cui “ci sono investimenti bloccati per 1,6 miliardi: una montagna di denaro che, se messa in circolo, produce posti di lavoro ed effetti indotti in termini di consumi, di ulteriori investimenti, di entrate per gli enti pubblici e, quindi, di servizi. Questo meccanismo oggi è bloccato. Con 15 milioni di appalti fermi”, parole del sindaco Roberto Visentin.

 

Un libro e la “Filosofia per vivere”

invito libro filosofia.jpg“Tutta la vita è un lungo viaggio e la velocità non è più che un illusione; non importa il mezzo che usiamo, ma il Cammino che percorriamo”: con queste suggestive ed efficaci parole si apre il libro di Delia Steinberg Guzman, “Filosofia per vivere”, pubblicato in diversi Paesi del mondo dall’associazione culturale Nuova Acropoli ed ora edito anche in Italia, di cui la filiale siracusana dell’omonima associazione ha curato la traduzione in italiano del testo spagnolo originario. Un testo che tenta di spiegare come sia possibile avere di più senza essere vincolati al denaro o alle proprietà materiali, di come la Filosofia (proprio quella con la F maiuscola) possa essere un’attività dinamica e non sterile elucubrazione intellettuale, e che prova ad introdurre e  spiegare il significato di concetti antichi ma al tempo stesso modernissimi, magari di uso lessicale comune, ma di cui si è perso il significato recondito e simbolico (il “karma”, il concetto di “coscienza” e di amicizia), e che tenta di stabilire una connessione plausibile e redditizia fra un giusto stile di vita e concetti universali quali le religioni, le civiltà, il rapporto umanità-singolo individuo, la vera conoscenza di se stessi per andare oltre gli aspetti delle personalità e raggiungere uno stato di consapevolezza superiore perché  “la saggezza non è riempirsi la testa con idee che non si applicheranno mai … saggezza è imparare a vivere, a evolversi, riuscire a sentirsi più stabili e sicuri”.  

La presentazione del libro (che può essere anche richiesto tramite il sito internet www.feltrinelli.it) avverrà giovedì 29 novembre alle ore 10, presso la “Sala Costanza Bruno” di via Malta 106, con gli interventi dei proff. Nino Consiglio e Roberto Fai, delle prof.sse Maria Teresa Asaro ed Elga Daniele.

 

Volontariato e cultura nel weekend siracusano

 convegnofamiglia.jpg“La rete del Volontariato e la nostra famiglia” è il titolo-slogan dell’evento organizzato dall’Assessorato alla Famiglia e alle Politiche Sociali e dal Centro Servizio Volontariato Etneo (che raggruppa le associazioni che si occupano di volontariato), venerdì 23 novembre dalle 16 alle 19.30 presso il Grand Hotel Villa Politi di Siracusa, con la partecipazione del sindaco e del presidente della Provincia Regionale. Il convegno prevede l’esposizione di temi quali: “Legami familiari e comunitari: il volontariato come risorsa educativa e relazionale” con intervento del sociologo Orazio Maria Valastro; “Famiglia e fisco” con l’assessore comunale alla Famiglia e Politiche sociali Salvo Sorbello; il tema della crisi del lavoro e della sua influenza nei rapporti familiari a cura di Elisabetta Larniari; infine il presidente dell’Enaip di Siracusa Marco Rametta, illustrerà il servizi alla famiglia nel territorio e la presidente dell’associazione “Diversamente Uguali” Lisa Rubino parlerà di famiglia e disabilità.    

Per il terzo appuntamento con il ciclo di iniziative “Siracuriosando” con l’ Associazione Mary Astell, domenica 25 novembre alle ore 9.30 una visita guidata alle Catacombe di Vigna Cassia farà scoprire le bellezze che la nostra Siracusa nasconde nelle sue profondità.  L’area funeraria della Vigna Cassia è costituita da un cimitero di comunità e da cinque ipogei di diritto privato, ascrivibili cronologicamente ai secoli III, IV e V. La catacomba vera e propria si articola in tre regioni – S. Maria di Gesù, Maggiore o di San Diego, Marcia – di cui le prime due nascono già nell’ambito del III secolo, l’ultima invece soltanto nel IV.       Il ricavato verrà devoluto per sostenere le attività benefiche dell’associazione stessa. Per informazioni e costi contattare il 3299736764 oppure 3487394361.

Siracusa e la “Cultura 2019”

 cultura-europea-heritage.jpg“Capitale Europea della Cultura 2019”: questo è l’ambitissimo e onerosissimo titolo a cui concorreranno 16 città italiane, tra cui Siracusa ed il distretto Sud-est (le altre sono Aosta, Amalfi, Bari, Bergamo, Brindisi, Caserta, L’Aquila, Mantova, Matera, Perugia e Assisi, Ravenna, Siena, Siracusa e il Sud-Est, Urbino, Venezia e il Nord-Est) in previsione del 2014, data prevista per la scelta da parte del Governo italiano e dell’Unione europea. Dopo Firenze, Bologna, Genova, l’Italia avrà dunque di nuovo una “capitale europea”.

Il report del CIDAC (l’associazione delle città d’arte e cultura) così definisce le prospettive del progetto: “All’impegno politico, economico e civile delle città candidate, nella predisposizione di programmi e progetti all’altezza della competizione nazionale ed europea, deve corrispondere una strategia concertata con le Regioni e il Governo per fare di Italia 2019 non solo una occasione per il Paese ma anche una esperienza esemplare per l’Europa”. A Siracusa l’Amministrazione comunale sembra fare sul serio … e chi vivrà vedrà …