Cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati

1475147058.jpgA meno di una settimana dal voto per le amministrative regionali (domenica 28 dalle 7 alle 22) la rassegna stampa degli ultimi sette giorni mette in risalto incongruenze, carenze e problematiche della città e siccome non crediamo, come diceva il buon Paolo Bonacelli a Roberto Benigni nel film Johnny Stecchino, ovvero che “il traffico è il problema più grande di questa città!”, possiamo elencare in rapida successione: la raccolta dei rifiuti che sembra bloccata almeno da 3 giorni (da Ortigia alla periferica “Pizzuta”) con relativa ed ennesima lettera di diffida del sindaco all’azienda comunale preposta ( “Ci siamo stancati di ricevere continue segnalazioni che noi comunichiamo alla Igm e per le quali non si fa nulla”), l’inquietante scoperta di discariche abusive e pozzi di acqua contaminata nella zona di Città Giardino nonché l’incredibile autorizzazione, rilasciata agli organizzatori della manifestazione motoristica denominata “Targa Florio”, all’ingresso di oltre 200 auto storiche all’interno del parco del Teatro Greco.

Ma in questi giorni l’amministrazione comunale ha saputo almeno avviare e portare quasi a compimento un provvedimento di alto valore etico e politico (nel senso vero e nobile della parola) ovvero il “regolamento per il riconoscimento della cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati” anche prima dei 18 anni come prevede la normativa vigente. Nonostante quanti ancora oggi rimangono ancorati ad una falsa e antistorica idea di conservazione del “patrimonio genetico nazionale”, una giusta e regolarizzata convivenza interrazziale è possibile e necessaria e “se vogliamo una piena e consapevole integrazione degli immigrati che condividono i nostri valori dobbiamo compiere gesti che dimostrino un vero cambio di mentalità. L’immigrazione va vista come percorso di integrazione, soprattutto per i più giovani, e non come un’emergenza sociale” (dichiarazione dell’assessore alle politiche sociali).

Cittadinanza onoraria ai figli degli immigratiultima modifica: 2012-10-22T21:57:43+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento