Il rigassificatore nella provincia di Siracusa: si o no?

rigassificatore-ionio-gas-area-industriale-priolo-melilli_thumb.jpgRigassificatore a Priolo, a due passi dalla città di Siracusa: si o no? Il dibattito politico e dei comuni cittadini imperversa già da qualche anno e sulla stampa anche recentemente l’argomento è di nuovo all’ordine del giorno. Un articolo di Antonio Fraschilla, apparso domenica 27 maggio nell’edizione di Palermo e Sicilia della “Repubblica”, ci informa che l’assessorato regionale all’energia ha dato il suo parere favorevole ma che il presidente Lombardo (dimissionario, pare) per ora ha rinviato la decisione ai prossimi giorni (pare).

Il tema era e resta scottante in quanto sembrerebbe che il progetto comporti “800 milioni di investimenti privati, 32 milioni di compensazioni ai Comuni interessati”, (si presume Siracusa, Priolo, Melilli e Augusta) nonché circa mille posti di lavoro (e di questi tempi è tutto oro colato, verrebbe da dire). La Erg vuole costruire ma la Regione ha già imposto, logicamente, tutta una serie di paletti affinchè il progetto possa essere approvato: monitoraggio della qualità dell’aria, controllo dell’inquinamento, creazione di vivai e protezione delle acque della costa di Melilli e Priolo.

Considerando che Legambiente, Natura Sicula e altre associazioni ambientaliste sono contrarie e sul piede di guerra e che diversi esponenti politici in questi giorni pretendono un chiarimento dal presidente della Regione Sicilia nell’incontro previsto oggi a Palermo con le rappresentative politiche, sociali ed economiche interessate, i colpi di scena potrebbero non essere finiti…

 

 

 

Il rigassificatore nella provincia di Siracusa: si o no?ultima modifica: 2012-05-30T08:21:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento