Maratonina Città di Archimede

maraton8post.jpgValevole per il Grand Prix Sicilia 2011, si è disputata domenica 6 novembre a Siracusa nel circuito del centro storico di Ortigia, la Maratonina Città di Archimede (km. 21,097), che ha visto oltre 500 persone sfidare i propri limiti e gareggiare per la vittoria finale, in una bellissima (e insperata) giornata di sole.

Il vincitore è il favorito da pronostico Giovanni Soffietto della società Universitas di Palermo con il tempo di 1 ora 11 primi e 7 secondi, seguito da Vito Massimo Catania dell’Amatori Regalbuto con il tempo di 1.11.33 e da Giorgio Mirabella dell’Atletica Padua Ragusa, mentre il primo dei siracusani è stato Cirino Scavo (settimo in classifica generale) della società sportiva Archimede con il tempo di 1.18.08.maraton3post.jpg

Il percorso della gara si è sviluppato (con partenza dal ponte umbertino) nelle vie di Ortigia, attraversando il lungomare Alfeo e di Levante e (tra le altre) via Roma, piazza Archimede, corso Matteotti . Per l’occasione è stata predisposta la chiusura di tutta la zona e i cittadini hanno potuto usufruire di una giornata dedicata interamente alla circolazione pedonale, a dispetto dei fanatici dell’automobile.

 

 

maraton6post.jpgProssimo appuntamento agonistico domenica 29 gennaio 2012 con la tradizionale stracittadina Siracusa City Marathon con la disputa della maratona e delle gare minori.   

World Cafè, sperimentazione internazionale

world cafè.jpgWorld Cafè è un’iniziativa sperimentale (già avviata in città come Milano e Rovereto) che coinvolge tutte le parti sociali della città: amministratori, imprenditori, giornalisti, le realtà associative e ovviamente i semplici cittadini. Configurato come una sorta di happening a tema, l’incontro si propone di trovare, discutere e avviare progetti e attività per le politiche giovanili e avrà uno spazio e una sede fissa prevedibilmente nei primi mesi del nuovo anno, come descrive l’assessore Mariella Muti: “Una nuova modalità di coinvolgimento della città su temi rilevanti per lo sviluppo e la partecipazione sociale che ho avuto modi di apprezzare durante un meeting del progetto Euro-South Hub all’Università di Malta, progetto di cui il Comune di Siracusa è partner. Da quella efficace esperienza è nata l’idea di incaricare l’Hub Siracusa di organizzare e promuovere un momento partecipativo che coinvolga i principali attori della società siracusana con modalità di dialogo informale e costruttivo”. Nel frattempo, il primo appuntamento è fissato per venerdì 4 novembre alle ore 17.30 presso la sede comunale di via Mirabella.

 

buzz.jpgVenerdì 4 novembre alle 22.30 per il consueto appuntamento al pub Buzz con il ciclo musicale “Rocketta light” sarà la volta di Ofelia Dorme, quartetto bolognese che sta scalando gli indici di gradimento indipendenti nazionali e che proporranno dal vivo le tracce del loro ultimo album “All Arms ends Here”che li ha portati in giro per l’Italia e oltre i confini nazionali”.

 

 

 

stigmate.jpgDa Venerdì 4 novembre, ore 20.00, presso sala espositiva in via della Concordia 5 a Cassibile, mostra personale di Giuseppe Scala, “Stigmate” per il ciclo “Gocce d’Arte”.

Sabato 5 novembre (e tutti i sabati e domeniche fino al 30 novembre), dalle 9.30 alle 12.30, bella iniziativa dell’Azienda Regionale Foreste Demaniali che, in collaborazione con Natura Sicula, organizza visite guidate gratuite dell’area che comprende zone della Riserva Naturale Orientata di Pantalica Valle dell’Anapo e Torrente Cava Grande. Gli appuntamenti sono fissati negli ingressi di Cancello Fusco, e Serramenzana in comune di Sortino e presso la struttura di accoglienza di “Palombazza” nel comune di Ferla.

Sabato 5 novembre, alle ore 18, nella Galleria d’arte contemporanea Quadrifoglio di Via SS. Coronati 13, inaugurazione della mostra “Le pagine ritrovate” di Salvatore Canigiula. Saranno esposte sculture e opere costituite con varie tecniche.

 

Domenica, 6 novembre, dalle 9 alle 12, con partenza da viale S.Panagia, di fronte tribunale, passeggiata in biciclettaorganizzata da Natura Sicula per sensibilizzare i cittadini su una questione molto discussa in città: “l’itinerario   toccherà le ciclostazioni Go Bike dislocate nella città di Siracusa per manifestare contro lo spreco di oltre 1.200.000 € di denaro pubblico. Nel 2009 il Ministero dell’Ambiente e il Comune di Siracusa stipularono un protocollo d’intesa per implementare il sistema di mobilità sostenibile. Il Ministero fornì al Comune 150 bici a pedalata assistita e 19 quadricicli, e garantì un contributo di 500.000 € per la gestione e la manutenzione del servizio. A oggi, il Comune ha ricevuto solo 325.000 € e ha dovuto anticipare la differenza. Per mancanza di un’adeguata e periodica manutenzione le bici sono fuori uso e parcheggiate all’ex Mercato Ittico del Molo S. Antonio. L’iniziativa di oggi ha lo scopo di riportare i fatti all’attenzione della cronaca e di sensibilizzare i cittadini (appassionati di ciclimo e non!) su quest’ennesimo caso di gestione troppo disinvolta di risorse pubbliche”.

visita avola.jpgInfine, domenica 6 novembre, dalle ore 10.30, le associazioni culturali Nuova Acropoli e Pro Loco, propongono la visita guidata (gratuita) della città di Avola, per riscoprirne storia e cultura. Per informazioni tel. 346 7204603 o 0931823566.

    

Halloween o “festa dei morti”?

halloween.jpgUno degli effetti della famigerata “globalizzazione” incide anche sulle modalità e sulle trasformazioni delle tradizioni culturali e/o religiose dei popoli e delle nazioni. In particolare, come è successo nel corso degli ultimi decenni per la più importante festa religiosa cattolica, il Natale, che sempre più si è trasformata in un insieme di consuetudini consumistiche e commerciali di cui nessuno di noi riesce ormai a fare a meno (anche per questioni di mera convivenza) anche la festività combinata di Ognissanti e Commemorazione dei defunti sta perdendo via via il suo significato originario.

In Sicilia, la ricorrenza dell’1 e 2 novembre è una tradizione antica che riassume vari significati e come tutti sanno, coinvolge bambini e anziani, giovani e adulti, prima nella celebrazione della giornata dedicata ai santi della Chiesa cattolica e poi nella sentitissima compartecipazione al ricordo dei propri cari estinti, che si è sempre espressa con i tradizionali regali donati ai bambini dalle famiglie, le abitudini e i riti gastronomici tipici nostrani (nella nostra città, le irrinunciabili “zeppole”, i “totò”, i dolci di marzapane, di miele etc.), le ri-cambiate visite fra parenti e amici e, per i credenti praticanti, il complesso degli appuntamenti religiosi veri e propri.toto'.jpg                  

Ma l’appropriarsi da parte del sistema economico/commerciale delle maggiori ricorrenze del calendario (emblematico anche il caso del giorno di S.Valentino) ha, molto spesso, snaturato il modo di vivere che le radici culturali ci trasmettono: oggi Halloween, con tutti i suoi innegabili e affascinanti aspetti storici e culturali ha quasi interamente soppiantato le vecchi abitudini nostrane e la sera del 31 ottobre è ormai normale imbacuccarsi in strampalati e discutibili costumi più o meno orrorifici (ma anche qui ci sono diverse interpretazioni, tant’è vero che è facile incontrare persone con abbigliamento più carnevalesco che dark) e correre in altrettanto discutibili feste e serate in discoteca e circondati, nei migliori casi, da simboli e oggetti di cui difficilmente qualcuno conosce l’esatto significato.zeppole.jpg

Quanti, ad esempio sanno che la radice storica della festività cristiana deriva da tradizioni alimentari, culturali e religiose della civiltà romana, vecchia di millenni? D’altronde, anche la stessa tradizione anglosassone di “All Hallows Even” ha subito nei secoli lo stesso fenomeno di sradicamento e rimodulazione a fini commerciali se è vero che nella stessa nazione americana ne sanno poco e niente delle origini dei lori Padri Fondatori.

(Immagini tratte da Google)