La nuova stagione della pallanuoto siracusana

pallanuoto.jpgIl 1° ottobre riparte il campionato di pallanuoto nazionale maschile e contemporaneamente anche quello femminile e Siracusa sarà una delle pochissime città italiane ad avere in lizza una squadra competitiva in entrambi i casi.

La compagine maschile Canottieri Ortigia affronta l’ennesima stagione nella massima serie e il presidente Marotta invita tutti i tifosi aretusei a sostenere la squadra in un campionato che sarà impegnativo oltre che per il valore indiscutibile delle squadre avversarie anche per le difficoltà economiche che non permettono grandi rinforzi e aspettative, nonostante ciò la squadra avrà tre nuovi giocatori: Bogdan Rath, Michele Pesenti e Francesco Cotella.

L’Ortigia esordirà sabato 1° ottobre in casa contro la Leonessa Brescia mentre il derby siciliano con la formazione Nuoto Catania sarà, all’andata, mercoledì 26 ottobre a Catania e, al ritorno, mercoledì 21 dicembre a Siracusa. Le altre squadre del campionato sono: Posillipo, Civitavecchia, Pro Recco (campione uscente), Bogliasco, Savona, Acquachiara, Camogli, Florentia e Nervi (calendario completo).

La compagine femminile avrà tre nuove giocatrici, le messinesi Giulia Luppa e Marina Murè e l’ungherese Aniko Pelle (vincitrice anche di un mondiale) ed esordirà sempre il 1° ottobre ma a Firenze contro la Fiorentina Waterpolo e ci saranno anche qui ben due derby siciliani: contro la Waterpolo Messina (andata 7 dicembre 2011 a Siracusa e ritorno il 9 maggio 2012 a Messina) e contro le campionesse uscenti dell’Orizzonte Catania (andata 30 novembre 2011 a Catania e ritorno 24 aprile 2012 a Siracusa). Le altre formazioni della competizione: Pro Recco, Imperia, Bologna, Volturno, Firenze e Plebiscito (calendario completo).

L’invito a tutti gli sportivi aretusei è di sostenere le due squadre perché, come si suol dire e a ragione, non si vive di solo calcio…    

(Foto: Peppe Sparta)

La nuova stagione della pallanuoto siracusanaultima modifica: 2011-09-01T08:05:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento