Due giorni per la “Pillirina”

31649893.jpgContinuano senza sosta le iniziative per far conoscere e valorizzare le bellezze naturalistiche della costa della Pillirina e scongiurare, di contro, l’edilizia selvaggia in quest’area della penisola Maddalena. Sabato 9 e Domenica 10 Aprile si terrà “2 Giorni per la Pillirina”, una manifestazione con tanti eventi dedicati a questo tratto di mare siracusano. Nel pomeriggio di sabato, a partire dalle ore 16, si comincerà con un convegno presso il museo “Paolo Orsi”. Si parlerà delle tante vicende storiche che hanno interessato nel corso dei secoli l’area della Pillirina, a partire dalla guerra tra Siracusa ed Atene. Oltre che da un punto di vista storico ed archeologico verranno illustrate anche le caratteristiche naturalistiche, religiose ed economiche del Plemmirio. Domenica 10 aprile sarà invece una vera e propria giornata di festa alla Pillirina. Si susseguiranno visite guidate, itinerari in bicicletta, volo di aquiloni, tanti sport acquatici (canoa, vela, diving), attività per bambini come una caccia al tesoro, letture teatrali e musica con Peppe Qbeta. Il rischio cementificazione ha in questo caso veramente fatto riunire i siracusani per salvare e per far rivivere uno dei luoghi naturalistici più belli della nostra città.

Due giorni per la “Pillirina”ultima modifica: 2011-04-04T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Due giorni per la “Pillirina”

  1. Le risorse, che la natura ha voluto donarci, siano valorizzate e protette al massimo. Tuttavia è necessario che i siracusani non si limitino ad ammirare estasiati la natura, ma creino delle strutture, non invasive, che consentino anche di incrementare il turismo, il commercio e l’industria, ovvero diano lavoro. Non contemperando queste due elementari esigenze si rafforza il giudizio dell’inedia dei siracusani “sciroccati”.

  2. E soprattutto, caro Vittorio, è importante che i cittadini si attivino anche nella salvaguardia del nostro patrimonio culturale e ambientale. Troppo spesso si lascia questa “incombenza” alle istituzioni, ma le istituzioni siamo noi! Su questo scriverò lunedi in occasione delle attività per la Giornata Mondiale della Terra…

Lascia un commento