Fronte del porto

porto.jpgIl titolo di questo post potrebbe fare pensare ad un famoso film degli anni cinquanta con Marlon Brando ma, in questo caso, ci si riferisce in realtà ad un altro porto.
Il “fronte” è infatti quello che riguarda il porto grande di Siracusa, i cui progetti per il futuro stanno diventando un’altra infinita telenovela cittadina. Spesso, purtroppo, nella nostra città, viene da chiedersi se il male peggiore sia un certo immobilismo diffuso o, peggio ancora, le tante iniziative che poi non vengono portate a termine.
Se fino ad un paio di anni fa i Siracusani sapevano che sarebbe stato costruito un porto turistico, presto le loro certezze si sono trasformate in dubbi di fronte a sequestri e blocchi della magistratura prima e denunce di associazioni ambientaliste poi, per segnalare un possibile abnorme interramento delle acque. E’ di questi giorni la notizia che la soprintendenza ha avviato l’iter per revocare i pareri favorevoli alla costruzione dati pochi anni fa. Insomma, quanti con passione seguono le vicende cittadine non possono che chiedersi se i nostri amministratori abbiano le idee particolarmente confuse o se alcune parti in gioco agiscano in malafede. Dirimere il mistero è probabilmente arduo se non impossibile per quanti non conoscono i retroscena della politica e dell’imprenditoria. Resta però adesso la grande paura che le colate di cemento finora gettate restino tali senza trovare una loro conclusione definitiva. E’ chiaro che il porto di Siracusa deve trovare una propria vocazione e questo, in maniera ecocompatibile. Il turismo sostenibile non può che essere la soluzione migliore per la città se non si vuole tornare ad avere un porto invaso da petroliere e piattaforme petrolifere come era negli anni settanta e ottanta, periodo in cui nelle nostre acque si effettuava la manutenzione di queste navi con tutti i conseguenti danno all’ambiente ed alla salute cittadina che si possono immaginare.

Immagine: Siracusa anni ’80, petroliere e silos caratterizzano il porto (foto: S.Leggio/Siracusareport.tk)

Fronte del portoultima modifica: 2011-03-28T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Fronte del porto

  1. Alla mancanza di controlli seri sui lavori da farsi per lo sviluppo della città si aggiunge la delinquenza organizzata. La presunzione dei nostri amministratori unita alla loro saccenteria di risolvere problemi quali: urbanistica, turismo, industria ecc. ovvero settori cardini della nostra economia, sono risolti con i parametri su elencati. A sotegno di questo potrei elencare una infinità di esempi verificati nel corso degli anni. Il ruolo dell’opposizione o delle organizzazioni per la tutela dell’anbiente oscilla dalla opposizione preconcetta al diniego assoluto a qualsiasi novità. La soluzione al problema sta nel riconoscere i propri limiti ed operare per il benessere dei cittadini e questi ultimi imparino a scegliere i loro amministratori.

Lascia un commento