Una mostra dedicata all’Annunciazione

1866583887.jpgNella ricca collezione di quadri presenti nelle chiese e nei musei siracusani, due opere spiccano per importanza su tutte le altre. Si tratta del Seppellimento di Santa Lucia del Caravaggio e dell’Annunciazione di Antonello da Messina.
L’Annunciazione, in particolar modo, rappresenta oggi il punto forte delle opere esposte nella Galleria Regionale di Palazzo Bellomo di via Capodieci in Ortigia. Si tratta di un quadro risalente al 1474 ed originariamente posto nella chiesa di Santa Maria Annunziata a Palazzolo Acreide. Il celeberrimo dipinto, raffigurante l’incontro tra la Madonna e l’angelo, dopo una lunga opera di restauro è tornato ad essere uno dei maggiori punti di richiamo del museo.
Oggi l’opera del maestro, riceve un omaggio da parte di un gruppo di artisti contemporanei. L’occasione è data dalla mostra “L’Annunciazione ed il contemporaneo” che si aprirà appunto presso la galleria Bellomo il prossimo 25 febbraio e che sarà visitabile fino al 18 marzo nei consueti orari di apertura del museo. Oltre all’opera originale saranno esposti dipinti ispirati al quadro di Antonello e realizzati dai pittori del cosidetto “Gruppo di Scicli“, la celebre scuola di pittura e scultura intorno a cui ruotano artisti come Guccione, Alvarez, Polizzi, Sarnari, Candiano, Colombo, Paolino e Zuccaro. L’originalità e la forza espressiva di questo gruppo artistico è stata ampiamente riconosciuta dalla critica e lo stesso Guttuso ne elogiò la “purezza di intenti” degli artisti del gruppo in raffronto al deserto della pittura italiana.
Un’interessante occasione quindi per vedere come ogni singolo autore si è confrontato ed ispirato all’Annunciazione oltre che per esplorare, ovviamente, anche le mille altre meraviglie esposte tra le sale del Bellomo.

Una mostra dedicata all’Annunciazioneultima modifica: 2011-02-23T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento