Tantissimi eventi per Volalibro 2010

volalibro.jpgComincia oggi a Noto la terza edizione di Volalibro, il festival della cultura per ragazzi che, anno dopo anno, riscuote sempre più consensi e pubblico. Questa grande festa della cultura per i più giovani che si tiene nella cittadina barocca, rappresenta sicuramente un “unicum” nella nostra provincia. L’edizione 2010 si terrà dal 12 al 21 novembre e prevede ben 140 eventi in calendario, 4 mostre tematiche e 50 ospiti, alcuni dei quali di grande rilevanza nazionale. E’ veramente difficile sintetizzare in poche righe le numerose proposte di Volalibro 2010. La manifestazione si rivolge ai ragazzi dai 5 ai 19 anni e, ponendo il libro come punto focale, propone laboratori, letture, spettacoli, visite guidate, concorsi e tanto altro. I laboratori sono divisi per età ed hanno varie tematiche didattiche: dalla paura al bullismo, dall’alimentazione alla creatività. Per il periodo della manifestazione, come detto, sarà possibile visitare anche 4 mostre: dal libro antico al libro per ragazzi e anche un’esposizione dedicata a Noto e all’unità d’Italia. Ci saranno anche letture di libri dal vivo o le tradizionali tragedie classiche presentate ai più giovani. Tra i momenti di confronto, da annotare un laboratorio RAI organizzato dal GT Ragazzi e un dibattito sulla mafia e ancora un concorso per piccoli autori e laboratori di giornalismo. Saranno tanti anche gli ospiti con cui i ragazzi avranno apposite occasioni di incontro. Tra questi ricordiamo il cantautore Roberto Vecchioni, lo sportivo Enzo Maiorca, il giornalista Oliviero Beha, l’attrice Piera Degli Esposti ed il sacerdote Don Fortunato di Noto.
Maggiori informazioni su Volalibro 2010 sono reperibili sul sito internet ufficiale www.volalibro.it, dal quale è possibile scaricare anche la brochure con il programma completo degli eventi.

Foto: un’immagine delle passate edizioni di Volalibro (tratta da www.volalibro.it)


Tantissimi eventi per Volalibro 2010ultima modifica: 2010-11-12T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento