Andar per musei…

Ed anche in Sicilia è arrivata la prima pioggia ! Cupi nuvoloni neri si addensano nel cielo, seguiti a breve distanza dal rombo dei tuoni e dallo scrosciare dell’acqua.
Una scena senz’altro suggestiva ma, sicuramente, tutt’altro che invitante per quanti si apprestano a progettare il proprio week-end. Finito il tempo di stare all’aria aperta, finite le serate in spiaggia, cosa fare allora ?
pupi.jpgPerchè non provare allora ad “andar per musei“, lasciando fuori dalla porta il maltempo e dedicando una mattinata o un pomeriggio a scoprire qualcosa della storia o delle tradizioni della città. In termini di musei, Siracusa, offre più di quanto si pensi.
A far la parte da leone è ovviamente il museo archeologico “Paolo Orsi”, uno dei più importanti d’Italia, e che raccoglie reperti dall’epoca preistorica fino alla fine del periodo romano. Da non perdere la bellissima statua marmorea detta la “Venere Landolina”.
Da breve tempo nuovamente fruibile al pubblico, in Ortigia, è possibile invece esplorare la Galleria Regionale di Palazzo Bellomo con testimonianze dall’epoca bizantina fino all’epoca moderna. Tra gli altri si trova qui conservato il bellissimo quadro di Antonello da Messina, l’Annunciazione.
Ma vi sono anche una serie di musei minori e privati. Tra questi, essendo la nostra città celebre per le piante di papiro che avvolgono il fiume Ciane e la fonte Aretusa, non poteva mancare il museo del papiro. Un’occasione per scoprire le antiche tecniche di lavorazione e i mille usi che si fa del papiro.
Per andare nel campo delle tradizioni, in Ortigia si trova anche il piccolo ma graziosissimo museo dei pupi siciliani, tenuto su con passione e che mostra strumenti di lavorazione, scenografie e numerosissimi personaggi dell’antica opera dei pupi.
Sempre nel centro storico è possibile visitare un altro museo privato, quello dedicato al cinema, messo su con anni di passione e che raccoglie vere e proprie rarità e cimeli.
Se poi siete disposti a fare un po’ di strada in più, vale la pena di arrivare a Palazzolo Acreide per visitare la Casa-museo “Uccello“, il più importante museo delle tradizioni popolari presente in provincia con centinaia di utensili ed oggetti curiosi del “tempo che fu”. Sempre nella cittadina montana è possibile visitare il museo dei viaggiatori in Sicilia che raccoglie testimonianze e disegni dei numerosi viaggiatori europei che visitarono la nostra isola tra il Settecento e l’Ottocento, nell’ambito dei viaggi culturali del Grand Tour. Tante testimonianze di luoghi che oggi sono profondamente mutati.
Andar per musei: un modo istruttivo e, perche no, curioso e divertente per uscire di casa ed avere un’alternativa anche quando il tempo non è dei più invitanti.

Andar per musei…ultima modifica: 2010-09-10T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento