La ricomparsa del treno del barocco

Un argomento che volevo da tempo tornare a trattare tra le righe di questo blog era il “treno del barocco“, la romantica ferrovia che da alcuni anni ormai ravviva l’ormai morente tratta ferroviaria Siracusa-Ragusa accompagnando turisti e residenti alla scoperta delle cittadine barocche del Val di Noto. Che l’antica linea ferrata che collega il capoluogo aretuseo con Ragusa non goda di buona salute, non è un stazione.jpgsegreto per nessuno. Un solo binario, non elettrizzato e percorso da un sempre minore numero di convogli porta questa linea dell’estremo sud ben al di sotto degli standard nazionali. Eppure il percorso merita ben di più, non fosse altro per gli splendidi paesaggi che si trova ad attraversare. Siracusa, Noto, Modica, Scicli, Ragusa, non solo una sequenza di stazioni ferroviarie ma anche un’incredibile serie di città patrimonio mondiale dell’Unesco. Una concentrazione di beni culturali con pochi eguali al mondo inframezzata dalla più tipica e suggestiva delle campagne siciliane. Alcuni anni orsono, grazie all’iniziativa Maratonarte ed alla relativa raccolta di fondi si riuscì a “resuscitare” questa tratta per scopi turistici istituendo il treno del barocco. Nel corso dei mesi estivi una suggestiva locomotiva a vapore e delle carrozze d’epoca toccavano le principali cittadine barocche. Non un treno per pendolari ma un vero e proprio treno per turisti con lunghe tappe in ogni stazione che consentissero di scendere per visitare la città e di usufruire dei servizi promozionali messi a punto dai vari comuni. Tra un intoppo e l’altro, in questi anni il treno è sempre riuscito ad andare avanti. La locomotiva a vapore ha ceduto il posto ad un più moderno locomotore diesel. Il numero di corse è diminuito ma, fino alla scorso anno, dietro prenotazione, il treno del barocco era addirittura gratuito, consci del grande ritorno d’immagine e turistico che una tale iniziativa può portare.
Ecco allora che questo nuovo post era già in cantiere per lamentare la mancata attivazione del nostro treno per l’anno 2010 quando ecco la buona (e inaspettata) notizia. Anche nel 2010 il treno del barocco ci sarà ! Le corse dovrebbero essere ogni domenica con partenza da Siracusa a partire dal prossimo 12 luglio. E’ un piacere dover rettificare una notizia prima ancora di averla scritta. Non si sanno ancora i dettagli: costi, composizione del convoglio e servizi per i passeggeri. In passato il treno era stato allestito anche come un vero e proprio convoglio-museo o si era provveduto ad un’animazione a bordo e nelle stazioni. Quest’anno ancora tutto da definire ma, se non altro, il suggestivo servizio turistico tornerà ad essere attivo per la gioia di visitatori e non solo. Certo, magari programmandolo prima e pubblicizzandolo a dovere nel circuito nazionale, questo itinerario, unico nel panorama italiano, poteva essere di per sè un motivo di attrazione per visitatori. Certamente l’istituire una tratta ferroviaria con due sole settimane di anticipo non ne permette la promozione che merita. Ancora una volta consoliamoci con gli antichi adagi: “chi si accontenta gode” e, domenica 12 luglio… tutti alla stazione a veder ripartire il treno del barocco.

La ricomparsa del treno del baroccoultima modifica: 2010-06-30T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento