All’ospedale accolti con un sorriso

ospedale.jpgSe c’è un luogo a Siracusa che – per buone ragioni –  cerco di evitare il più possibile, questi è l’ospedale Umberto I. Il livello qualitativo della sanità siciliana non brilla certo per fama in campo nazionale e, se a questo aggiungiamo i miei personali pregiudizi, confesso che cerco di frequentare l’ospedale di Siracusa il meno possibile, sia in veste di paziente che in quella di visitatore. Quell’enorme palazzone, costruito al centro della città, con quel suo rivestimento di mattonelle scure mi ha sempre dato un’effetto tetro e gotico. Impressione che non veniva poi certamente smentita una volta entrato all’interno dei suoi caotici corridoi dai muri scrostati e dai mille odori. Eppure oggi vorrei spezzare una lancia in favore dell’Umberto I e di un servizio di cui ignoravo l’esistenza ma che dà un volto un pochino più umano al nostro ospedale.
Alcuni giorni fa, per forza di cose, sono stato costretto a recarmi all’Umberto I per delle analisi ed il primo impatto è stato quello con le tecnologiche quanto ostilissime macchinette per il pagamento del ticket. Nonostante le migliori intenzioni non c’era verso di far accettare il denaro. Questo fin quando, inaspettatamente, mi è venuta in aiuto una delle giovani impegnate nel servizio “Accogliere con un sorriso” che ha provveduto a rimettere in riga la macchinetta ribelle.
Comprendo bene che il lettore non Siracusano sicuramente non capirà quale sia la notizia sensazionale ma deve fidarsi quando gli dico che per me ed i miei concittadini è un’assoluta novità trovare all’interno dell’ospedale del personale addetto esclusivamente all’accoglienza e all’assistenza e, oltretutto, con cortesia. Fino a qualche anno fa le informazioni e l’assistenza erano un bene raro che veniva spesso dato bruscamente da personale che in realtà non aveva alcun motivo per sorridere in quanto addetto ed oberato da mille altre mansioni.
Informandomi un po’ ho scoperto che “Accogliere con un sorriso” è un progetto attuato nell’ambito del servizio civile e che vede ormai da alcuni anni una ventina di giovani impegnati esclusivamente nei servizi di accoglienza ed orientamento nell’ospedale.
Personalmente ho trovato molto utile e gradevole trovare delle persone specifiche a cui rivolgersi (e perché no, trovare anche del personale giovane) per chiedere aiuto e che rispondano con cortesia. Un servizio utile per i cittadini e ancora più se si tratta di persone anziane.
Insomma, una bella sorpresa quella trovata all’Umberto I: non sarà certo un sorriso a risolvere i mille problemi della nostra struttura ospedaliera ma, diciamocelo, a volte basta veramente poco per rendere un po’ più accogliente un qualsiasi servizio pubblico.

Foto tratta dal sito “Ospedalità antica in Sicilia

All’ospedale accolti con un sorrisoultima modifica: 2009-10-28T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento