Una città un po’ più ecologica con il nuovo servizio “GoBike”

gobike.jpgTra le eredità che ha lasciato il G8 per l’ambiente svoltosi lo scorso mese di aprile a Siracusa, rimane il servizio di “bike sharing”. Il servizio ha preso il via proprio in quei giorni e, in queste ultime settimane viene completato e perfezionato cercando di proiettare Siracusa in una nuova dimensione ecologica. Nei punti nevralgici della città, quotidianamente congestionati dal traffico sono stati creati degli stalli ove, grazie ad una tessera magnetica, è possibile noleggiare una bicicletta a prezzo modico. La bicicletta può essere restituita in uno qualsiasi degli altri stalli esistenti un po’ in tutta la città, dal centro storico di Ortigia a piazza San Giovanni alla stazione.
Al momento il servizio è funzionante solo per i residenti e quanti lavorano in città. Presto verrà esteso anche ai turisti. Per richiedere la tessera occorre rivolgersi agli uffici comunali o telefonare al numero verde 800299507.

Una città un po’ più ecologica con il nuovo servizio “GoBike”ultima modifica: 2009-06-17T09:36:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Una città un po’ più ecologica con il nuovo servizio “GoBike”

  1. Sicuramente non può che essere un primo piccolo passo. La pista ciclabile se non sbaglio deve ancora ricevere il “varo ufficiale”. Al momento è aperta fino alla tonnara di Santa Panagia ma in realtà dovrebbe scendere fin sotto Targia. Da li sarebbe un attimo creare un sentiero ciclabile fino a Marina di Melilli (riserva saline di Priolo e Thapsos che l’amministrazione di Priolo intende chiudere al traffico e rendere ciclabile). A mio avviso a Siracusa manca ancora l’ottica della bicicletta come alternativa. Sogno una città ove oltre alle piste apposite vi siano anche sulle strade le corsie per le biciclette per potersi spostare rapidamente nel traffico (come nelle grandi capitali europee). Fare la corsia è relativamente facile… bisogna poi educare i cittadini a non invaderla. Per il servizio GoBike penso poi che bisognerebbe rendere un po’ meno complicata la procedura per aderire. Al momento scoraggia molti.

Lascia un commento