In Africa il progetto del Caprifoglio Onlus

caprifoglio.jpgL’associazione “Il Caprifoglio Onlus”, con il contributo importante della sede di Siracusa, sostiene il progetto HKH ( Help Kabale Hospital) ed i bambini che sono ricoverati nel reparto pediatrico dell’ospedale pubblico di Kabale in Uganda, ai quali l’associazione, fin da febbraio 2011, fornisce gli alimenti. E’ possibile vedere l’insieme di questo progetto al link http://www.ilcaprifoglionlus.org/pagina.asp?id=59 .

Mauro Tripodi, presidente dell’associazione spiega che il “Caprifoglio Onlus” organizza dei viaggi per far visitare ad amici, sostenitori, e volontari il luogo dove opera. “Per noi la trasparenza é principio fondamentale, quindi ci piace far vedere a tutti coloro che ci aiutano dove stiamo investendo i fondi che raccogliamo. Nei prossimi viaggi, i partecipanti avranno modo di far visita anche ai bambini della Scuola Primaria Bwama ai quali abbiamo fornito alimenti per 18 mesi, ed ora stiamo avviando un progetto di coltivazione di ortaggi per sopperire al bisogno di cibo, inoltre si avrà modo di visitare la comunità di Katoma dove stiamo avviando dei progetti di micro credito. Praticamente chi viene con noi tocca con mano la vera condizione di vita dei villaggi rurali, si potranno vedere le vere condizioni di vita di quelle popolazioni. Tutti i partecipanti saranno alloggiati presso la nostra sede operativa in Kabale e dovranno partecipare alla vita quotidiana dell’associazione. Insomma faranno un viaggio indimenticabile ricco di emozioni, che difficilmente potrebbero vivere da turisti. Scopriranno, al loro ritorno, cosa vuol dire mal d’Africa”.

Per ulteriori informazioni ed adesioni a questa meritoria iniziativa visitate il sito ufficiale www.ilcaprifoglionlus.org  o rivolgersi alle coordinatrici di AICO Sicilia, Rosanna Caruso e Laila Pace,  all’indirizzo rosylayla@gmail.com o al 3476962945.

(Foto:  www.ilcaprifoglionlus.org)

 

 

In Africa il progetto del Caprifoglio Onlusultima modifica: 2013-01-30T21:09:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento