Anche a Siracusa ha vinto… l’astensionismo!

elezioni-regionali-in-sicilia-1.jpg51.979 su 103.578. Questo il risultato impietoso dell’affluenza alle urne a Siracusa per le elezioni regionali 2012 in cui (pare ormai certo) Rosario Crocetta sarà nuovo presidente e il cosiddetto “voto di protesta” (ma ha veramente senso definirlo così) ha portato il Movimento 5 Stelle ad essere (salvo cambiamenti dell’ultim’ora) il primo partito della regione più grande d’Italia. Ma il fenomeno del l’astensionismo così marcatamente emerso preoccupa non poco per chi pensa che il non voto non possa e non deve essere un metodo per la risoluzione dello stallo politico. Nel capoluogo aretuseo non sono andati a votare praticamente la metà degli aventi diritto, il 19,37% in meno delle regionali 2008. Le ragioni sono tante e note e sono precisamente quelle di cui dibatte l’opinione pubblica nazionale: gli scandali nella gestione dei finanziamenti (o rimborsi) dei partiti, il fenomeno della corruzione e delle tangenti, gli sprechi e l’ipertrofismo nel bilancio delle regioni, l’incapacità amministrativa coniugata al clientelismo di cui purtroppo non siamo e non potremmo essere esenti…

Cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati

1475147058.jpgA meno di una settimana dal voto per le amministrative regionali (domenica 28 dalle 7 alle 22) la rassegna stampa degli ultimi sette giorni mette in risalto incongruenze, carenze e problematiche della città e siccome non crediamo, come diceva il buon Paolo Bonacelli a Roberto Benigni nel film Johnny Stecchino, ovvero che “il traffico è il problema più grande di questa città!”, possiamo elencare in rapida successione: la raccolta dei rifiuti che sembra bloccata almeno da 3 giorni (da Ortigia alla periferica “Pizzuta”) con relativa ed ennesima lettera di diffida del sindaco all’azienda comunale preposta ( “Ci siamo stancati di ricevere continue segnalazioni che noi comunichiamo alla Igm e per le quali non si fa nulla”), l’inquietante scoperta di discariche abusive e pozzi di acqua contaminata nella zona di Città Giardino nonché l’incredibile autorizzazione, rilasciata agli organizzatori della manifestazione motoristica denominata “Targa Florio”, all’ingresso di oltre 200 auto storiche all’interno del parco del Teatro Greco.

Ma in questi giorni l’amministrazione comunale ha saputo almeno avviare e portare quasi a compimento un provvedimento di alto valore etico e politico (nel senso vero e nobile della parola) ovvero il “regolamento per il riconoscimento della cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati” anche prima dei 18 anni come prevede la normativa vigente. Nonostante quanti ancora oggi rimangono ancorati ad una falsa e antistorica idea di conservazione del “patrimonio genetico nazionale”, una giusta e regolarizzata convivenza interrazziale è possibile e necessaria e “se vogliamo una piena e consapevole integrazione degli immigrati che condividono i nostri valori dobbiamo compiere gesti che dimostrino un vero cambio di mentalità. L’immigrazione va vista come percorso di integrazione, soprattutto per i più giovani, e non come un’emergenza sociale” (dichiarazione dell’assessore alle politiche sociali).

L’elmo di Ierone al “Paolo Orsi”

mostra-elmo-ierone.jpgIerone, figlio di Deinomenes e i Siracusani a Zeus, dal bottino fatto sugli Etruschi a Cuma”. Domenica 21 ottobre, presso il Museo Regionale “P. Orsi” di Siracusa, alle ore 17, inaugurazione dell’importantissima mostra “L’elmo di Ierone dal British Museum”:  fino al 6 gennaio 2013 la città aretusea riaccoglie finalmente l’elmo che fu del famoso/famigerato tiranno siracusano inviato in dono al santuario di Olimpia nel 474 a.c. dopo la battaglia di Cuma .

Altri eventi della fine settimana:

Dal 19 ottobre al 18 novembre, presso Galleria dello Steri di via della Conciliazione 9, mostra dipinti di Mario Oddo, “La pittura come finestra dell’intimo”;

sabato 20 e domenica 21, al Museo del Mare di via Zummo 7, presentazione del libro “Togo Franco Arcovito … e le 7 sorelle, the eolian islands”;

sabato 20 ottobre alle ore 17, presso il Museo del Cinema di via Alagona 45, proiezione del film di Otto Preminger, “Il Cardinale”, a cura dell’Associazione Italo-Tedesca;

Sabato 20 alle ore 11,00, presso il Biblios Cafè di Siracusa, in via del consiglio Reginale, presentazione del libro “Il Cancello” di Simona Lo Iacono, edizioni Melino-Nerella, sul tema della diaspora ebraica nel medioevo dalla Sicilia, ambientato a Siracusa;

dal 20 al 30 ottobre, presso la Galleria Roma di via Roma, “Incontri, arte contemporanea 2012”.

Siracusa nel progetto “Smarter Cities” IBM

smarterCityChallenge.jpgAnche Siracusa nel progetto “Smarter Cities Challenge” del colosso dell’industria elettronica e informatica IBM che coinvolge 100 città in tutto il mondo, selezionate al fine di promuovere un coerente e articolato sviluppo cittadino. Dopo i sopralluoghi in città nei mesi scorsi, i tecnici dell’azienda hanno stilato un report, diffuso alla stampa, in cui segnalano “pregi e difetti”, per così dire, del nostro territorio e precisamente: l’eredità storica ed il patrimonio culturale ed architettonico, l’alto valore dei progettisti e urbanisti, “un ampio portafoglio di progetti” e la produzione agricola di grande eccellenza (aspetti positivi) ma anche, purtroppo, scarso coordinamento fra le istituzioni e con i cittadini, la carenza del piano di mobilità cittadino, uno sviluppo armonico deficitario e la mancata incentivazione della responsabilizzazione dei cittadini, ed infine, la carenza delle infrastrutture e dello sviluppo industriale (aspetti negativi). Per far fronte a queste carenze e sviluppare e accrescere quelli positivi, il rapporto conclusivo evidenzia le sei raccomandazioni principali all’attenzione degli amministratori ovvero:  “il contributo di tutti” (collaborazione), “governare attraverso i dati “ (centralizzazione), “proteggere il patrimonio e gli investimenti”  (ambiente), “conoscere i propri clienti” (turismo), “vivere Siracusa” (qualità della vita), “costruire insieme” (industria).

 

Il “Premio Tenco” al siracusano “Colapesce”

colapesce.jpgSul sito Rockit.it è considerato un “cantautore alternativo” e la sua biografia è una divertente convergenza con il mito siciliano del “Colapesce” trasformato in abitante del mare, mentre la rivista cinematografica “Film Tv” di questa settimana lo definisce usando le parole “crepuscolare”, “poetico” e “magico” e lo considera fra i migliori 10 cantautori emergenti italiani. Lorenzo Urciullo, siracusano già famoso nella sua città natia, ha vinto (insieme agli Afterhours) il Premio Tenco 2012 (e scusate se è poco) con “Un meraviglioso declino”. Bellissima la sua versione “Gli hippie siciliani” di Franco e Ciccio, un brano poetico e un omaggio a due indimenticabili personaggi della Trinacria.

Arte, solidarietà ed ecologia nel weekend siracusano

nuovi_confini.jpgInaugurata il 10 ottobre, presso la Galleria d’Arte Contemporanea di via Montevergini in Ortigia, la mostra d’arte grafica “Nuovi Confini”, collettiva di artisti di varie nazionalità in cui “sedici docenti e più di cento studenti si trovano accostati in questa impegnativa e avvincente mostra che apre nuovi orizzonti di crescita per un’arte che ha ancora molte cose da dire”. Fino al 28 ottobre;

dal 2 al 16 ottobre presso Galleria Roma in piazza S. Giuseppe, “Arteinsieme” mostra espositiva di Elia Guardo e Salvatore Accolla;

Da venerdì 12 ottobre, presso ex convento del ritiro di via Mirabella, dalle ore 10 alle 13 e dalle 16 alle 20, mostra espositiva dell’artista Gino Cilio dal titolo “Arte.com, dall’A-Zero al digitale”;   

sabato 13 ottobre, alle ore 18.30 inaugurazione della mostra “Impersonale” dell’artista siracusano Piero Roccasalvo “Rub”, opere su tela dipinte ad olio, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20 fino al 31 ottobre;

Sabato  e domenica in alcune piazze della città (piazza S.Giovanni, largo XXV Luglio, santuario Madonna delle Lacrime, C.C. Auchan e C.C. I Papiri) manifestazione nazionale “Una Mela per la Vita”, raccolta fondi a favore dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla);

domenica 14 ottobre, dalle ore 9.30, presso saline di Priolo, per il ciclo “Siracuriosando!” a cura dell’associazione culturale “Mary Astell”, visita guidata all’interno della riserva per ammirare (si spera) i fenicotteri che popolano l’oasi.

 

Albatro e Ortigia ai nastri di partenza

188167_387405141330744_533783793_n.jpgSabato sportivo all’insegna della pallamano e della pallanuoto aretusea, protagonisti, negli esordi dei rispettivi campionati nazionali di A2 e A1, gli atleti di TeamNetwork Albatro e Igm Canottieri Ortigia. Alle 18.30 la formazione dell’Albatro affronta al PalaLoBello i “cugini” dell’Aetna Mascalucia, nella prima partita del girone E che comprende anche le formazioni di Messina (Forte Gonzaga),  Alcamo (T.H. Alcamo 07), Enna (Haenna), Petrosino (Il Giovinetto), Capo d’Orlando (Irritec Esperia Orlandina), Racalmuto (Sicily Food Girgenti) e Palermo (Kelona). Prossimi impegni degli aretusei: il 20 ottobre ad Alcamo, il 27 ottobre a Siracusa contro il Kelona.

L’Ortigia Siracusa, invece, debutta alla piscina “Paolo Caldarella” nel campionato di serie A1, affrontando la Rari Nantes Florentia alle ore 14,45 e proseguirà gli impegni di ottobre, sabato 24 ancora in casa contro  Carpisa Yamamay Acquachiara e il 27 a Savona. Nel secondo turno della Coppa Italia 2012, invece, i pallanuotisti siracusani affronteranno (nel girone D) il 19 e 20 ottobre prossimi, alla Piscina “La Marmora” di Brescia, il Circolo Nautico Posillipo, la Rari Nantes Bogliasco e l’Associazione Nuotatori Brescia (le migliori due accederanno alla final four di dicembre).

“Un posto asciutto”, romanzo ambientato a Siracusa

copj170.asp.jpgUn bar a piazza Duomo, il proprietario despota, un cameriere, un marinaio, una trama astrusa ma avvincente: “Un posto asciutto” di Salvatore La Porta, edizioni Villaggio Maori, è un altro libro che si può trovare in libreria ambientato nella città di Siracusa. Un racconto breve di uno scrittore catanese che narra della vita di tutti in giorni in un’epoca di crisi economica, di disagi e disperazioni che possono provocare esiti inaspettati e violenti. Un libro sui libri e sulla capacità di amarli profondamente e di scambiarli quasi per nostri intimi amici perché “la letteratura affina la sensibilità e perciò, esaspera la nostra capacità di soffrire oltre i limiti dell’umana sopportabilità”, (recensione di Augusto Cavadi su “La Repubblica”).

L’epidemia del “punteruolo rosso”

punteruolo.jpgIl “punteruolo rosso”, questo sconosciuto (ma non poi tanto) ovvero Rhynchophorus ferrugineus … un pericoloso parassita della palme mediterranee già assurto all’onore delle cronache in diversi programmi televisivi (vedi “Striscia la notizia”) in tutto il mediterraneo, nei luoghi di villeggiatura (Capri, ad esempio) e anche nella città di Siracusa. Ormai l’emergenza è a livelli massimi di allerta, a quanto sembra i proprietari di queste palme aggredite dall’insetto devono procedere all’abbattimento immediato (con tanto di ammenda pecuniaria in caso di omessa denuncia), almeno da quanto si evince da un comunicato stampa che il Comune di Siracusa si è affrettato a diffondere ai media. Nel quale si specifica che dette palme vanno smaltite con procedura assimilabile a quella dei rifiuti speciali (!): “queste piante, infatti, sono considerate un rifiuto speciale e di conseguenza non possono essere smaltite con la procedura ordinaria ma lo smaltimento necessita di un iter più complesso”  (dichiarazione dell’assessore Concetto La Bianca). Autorevoli esperti postulano l’estinzione delle palme mediterranee in gran parte delle città italiane entro il 2015… e, a scanso di facile ironia, non osiamo immaginare la nostra città senza di esse…

“L”amore in un clima freddo” nella campagna siracusana

amore.jpgRicca ereditiera inglese si sposa senza consenso paterno e si trasferisce… a Siracusa. Non è un fatto di cronaca recente ma la trama, in sintesi, di un romanzo scritto nel 1949 e rieditato ora da a Adelphi. “L’amore in un clima freddo” di Nancy Mitford narra delle vicissitudini sentimentali di Polly Montdore, figlia del barone omonimo, che si unisce in matrimonio con uno zio più anziano di lei e da lui convinta a trasferirsi in Sicilia, a pochi chilometri dalla città aretusea, in un “luogo di una bellezza indicibile, a un’ora da Siracusa”. Romanzo storico, sociale e anche ironico che descrive con efficacia la nostra terra dal punto di vista dell’aristocrazia inglese (anche quella più “modernista”) e che non manca di far risaltare le meraviglie “esotiche” del mediterraneo.