Traversata di nuoto al Plemmirio

nuotatore.jpgDomenica 1 agosto si svolgerà la sesta edizione della manifestazione sportiva “Una bracciata sul Plemmirio“. Si tratta di una gara di nuoto, ormai divenuta una tradizione siracusana, e organizzata dall’A.P.D. Gemini Nuoto. La traversata avrà una lunghezza di 5 Km e, come il nome suggerisce, vedrà come campo di gara le limpide acque dell’area marina protetta del Plemmirio. La gara infatti partirà dal Solarium Terrazza Fanusa, nella zona C – sbocco 2 dell’area marina protetta. Una bella occasione anche per gli spettatori per scoprire quei piccoli ma numerosi lembi di costa libera che il territorio siracusano ancora offre.
La gara, in acque libere, è inserita nel circuito nazionale di fondo e mezzofondo della F.I.N.
La partenza della gara sarà alle ore 10, il percorso sarà parallelo alla costa e prevede due giri dei concorrenti. Alla gara parteciperanno 120 concorrenti, 30 nella categoria agonisti e 90 nella categoria master.
Informazioni ed aggiornamenti sono disponibili sulla pagina Facebook dell’evento.

Ortigia, la perla offuscata

ortigia2.jpgA più riprese, in questi anni, è stato detto che Ortigia dovrebbe essere la “perla” di Siracusa. Se quest’affermazione è senz’altro vera da un punto di vista storico e paesaggistico, mal si sposa, invece, in quanto a servizi.
Molti Siracusani riscoprono il centro storico di Ortigia col ritorno della bella stagione quale luogo di passeggiate o serate in pizzeria e, dispiace dirlo, ad ogni nuova stagione, il livello dei servizi anzichè migliorare, va a peggiorare.
A cominciare dagli spettacoli serali o estivi, in genere. Si è già messo in evidenza in questo blog come la programmazione di spettacoli estivi del comune sia quasi del tutto assente. Eppure, per certo, i Siracusani non sono persone di grandi pretese. Sarebbe allora troppo un po’ di musica ad allietare le viuzze del centro storico o del teatro nelle caratteristiche piazzette o qualche semplice iniziativa per fare passare qualche ora piacevole a cittadini e turisti, approfittando della frescura serale ? Fa quasi sorridere, a questo riguardo, la notizia evidenziata in settimana dai media locali, del mancato finanziamento di due iniziative di animazione tra i vicoli del centro storico, del costo di poche centinaia di euro in quanto la spesa era eccessiva. Fa quasi sorridere se si pensa alle migliaia e migliaia di euro che regolarmente vengono sperperate senza tanto riguardo. Si pensa allora con nostalgia ai tempi (ormai lontani) in cui l’isolotto era animato dai suoni e dalle musiche dell’Ortigia Festival, ormai caduto nel dimenticatoio.
Certo, dal comune han fatto notare che Siracusa non è solo Ortigia, ma, per certo, il centro storico risulta un punto di riferimento per la cittadinanza tutta e viene difficile accettare in questi casi come giustificazione il principio “o tutti o niente”.
Ciò non toglie che per il suo fascino, centinaia di Siracusani e non, continuano ad amare Ortigia ed i suoi vicoli per passeggiarvi in estate.
bus1.jpgSe un tempo però l’isola pedonale, era attiva nei mesi estivi con una certa efficienza, adesso, di anno in anno, questa istituzione va sempre di più “evaporando”.
Si sono ridotti i giorni e si sono ridotti i controlli. Quella che nelle intenzioni passate del comune doveva divenire una zona a traffico limitato totale è ormai divenuta una zona a traffico limitato occasionale. Provate ad affacciarvi alla leggendaria Fonte Aretusa, sempre che non vi siano auto posteggiate ad impedirvelo. Oppure passeggiate tra i caratteristici vicoletti dell’isola ma, fate attenzione allo sfrecciare selvaggio degli scooter !
Mancanza di fondi vien detto a chi si interroga sullo stato delle cose. Difficile anche qui comprendere cosa centri la mancanza di fondi con un sistema di telecamere automatizzate, e, soprattutto, si fa sempre più strada il dubbio che più che mancanza di fondi, di mancanza di volontà si tratti.
Ma per il traffico in Ortigia, in fin dei conti, come biasimare i tanti che entrano nell’isolotto con auto e scooter ?
Un grande parcheggio esterno, il Molo San Antonio, ci sarebbe. Ma se al momento della sua attivazione si prevedeva un grande punto di interscambio in cui sarebbero passati in continuazione dei bus navetta gratuiti, oggi la situazione è del tutto differente. Le corse dei minibus anzichè aumentare sono andate a diminuire, i percorsi si sono allungati a dismisura per comprendere più fermate e la puntualità è più frutto del caso che un’azione pianificata.
Come criticare quanti, avendo un appuntamento nel centro storico, rifiutano di dover dipendere dalla casuale puntualità di un mezzo che passa all’incirca ogni ora ?
Non potrebbe essere diversamente, d’altro canto, se ancora una volta i giornali locali, ci hanno fatto apprendere che i nuovi e fiammeggianti minibus elettrici, inaugurati in pompa magna per il G8 ambiente, giacciono da mesi in rimessa per mancanza di autisti, ma, soprattutto, perchè hanno ormai le batterie scariche e non si è pianificata la possibilità di ricaricarle !
A tirar le somme di quanto detto, ben si spiega il momento triste che la nostra Ortigia sta passando. D’altro canto, se alcuni amministratori cittadini hanno recentemente affermato che sarebbe meglio spostare i (pochi) bus navetta in altri quartieri, in quanto le distanze nel centro storico permettono di camminare a piedi, ben si comprende come probabilmente la città reale e quella vista da chi la amministra abbiano un aspetto estremamente diverso e, soprattutto, esigenze difficilmente conciliabili.

Immagini: Piazza Duomo in Ortigia ed il servizio di minibus nel centro storico (foto da www.sicilystockphoto.com)

Un talk-show in piazza sulla cementificazione selvaggia

piazza-archimede2.jpgOrmai da diversi mesi, numerose associazioni locali ma anche singoli cittadini, hanno lanciato l’allarme sulla nuova cementificazione a cui si sta assistendo a Siracusa. Il fatto che anche un prestigioso quotidiano nazionale come il Corriere della Sera abbia rilanciato la notizia e la nascita di un comitato di unione delle varie voci ha però fatto sì che finalmente si innalzasse in città un vero e proprio “polverone”. Dopo l’intervento di nomi celebri della città quali lo sportivo  Enzo Maiorca o il critico d’arte Paolo Giansiracusa, si è tornati anche a voler rivedere con spirito critico il piano regolatore approvato pochi anni fa e che, a detta di molti, mal risponderebbe agli interessi comuni della città.
Su quest’onda, per questa sera, in Piazza Archimede, in Ortigia, è stata organizzata un’interessante serata-dibattito. Si tratterà di un vero e proprio talk-show all’aperto, avente come tema il PRG e la cementificazione di Siracusa. La discussione potrà essere seguita oltre che dai presenti anche in  TV grazie alla trasmissione in diretta sul canale locale Teleuno Tris e su internet, in streaming.
L’inizio del talk-show è previsto per le ore 20.30. Oltre a vari ospiti del mondo culturale, politico e musicale locale, è prevista la possibilità di aprire un vero e proprio dibattito tra i rappresentanti politici cittadini che vorranno partecipare, le associazioni ed i singoli cittadini. Si potrà intervenire direttamente da Piazza Archimede o anche telefonicamente da casa, per far sentire la propria opinione.
Informazioni aggiornate sull’evento sono reperibili sul sito www.sos-siracusa.org


Un week-end a spasso per la provincia

cinema.jpgEccoci arrivati alle soglie di un nuovo week-end, magari con tanta voglia di evadere in cerca di frescura e di divertimento. Sono numerosi i comuni della provincia che hanno approntato un ricco calendario di appuntamenti estivi. A dire il vero, il capoluogo, non ha seguito l’esempio, ciò non toglie che anche a Siracusa, varie iniziative indipendenti consentiranno di assistere a spettacoli ed eventi di vario genere. Eccovi di seguito una brevissima selezione di appuntamenti di questo fine settimana.
A Siracusa, all’antico mercato di Ortigia si conclude oggi la rassegna cinematografica “Avamposto Maniace“. Alle 20.30 ed alle 22.30 verrà proiettato il film “Il Compleanno” di Marco Filiberti e con Alessandro Gassman tra gli attori. L’ingresso è gratuito. Gli appassionati di cinema potranno però subito rifarsi in quanto sempre questa sera, 23 luglio, si aprirà la X edizione del Festival del Cinema di Frontiera di Marzamemi. La prima serata vedrà la proiezione del film “I Gatti Persiani” del regista iraniano Bahman Ghobadi e, a seguire,  “Cinema e Musica” con la direzione musicale di Roy Paci e la proiezione di “Viva l’Italia” di Roberto Rossellini. Sabato verranno proiettati “Il Concerto” di Radu Mihaileanu e “Il Pap’occhio” di Renzo Arbore. Domenica, infine, “La misma luna” di Patricia Riggen e “The Godless Girl” di Cecil B. De Mille. Il programma completo della manifestazione è consultabile sul sito ufficiale.
Tra gli appuntamenti più curiosi del fine settimana, segnaliamo anche uno degli eventi estivi del comune di Palazzolo Acreide: un concerto all’alba (arpa e voce) all’antico castello medievale. Appuntamento per i più mattinieri alle 4.30 di domenica mattina all’antico maniero. I numerosi altri appuntamenti in programma nella cittadina montana sono consultabili a questo indirizzo.
A Noto, sempre venerdì 23, presso l’ex Collegio dei Gesuiti è prevista la rappresentazione teatrale “M.- carne della mia carne”, tratta dalla Medea di Euripide e messa in scena nell’ambito del ciclo Teatri di Pietra che vedrà altri spettacoli nella città barocca. Anche in questo caso è possibile avere maggiori dettagli sul sito del comune.
Tra musica, cinema e teatro, non c’è che dire, sarà un fine settimana ricco di eventi e, perchè no, da lunedì spazio ai vostri commenti per sapere cosa vi è piaciuto di più…

Immagine: al via questo venerdì il festival del cinema di frontiera di Marzamemi (foto da www.cinemadifrontiera.it)

Ritorna il festival internazionale del balletto

balletto.jpgSi vanno moltiplicando in questi giorni, sia a Siracusa che in provincia, le iniziative e gli eventi di ogni genere per allietare le giornate (e soprattutto le serate) estive. Cercheremo pertanto anche su questo blog di tenerci al “passo” con gli eventi e di segnalare man mano gli spettacoli in programma.
Tra quelli più prestigiosi va segnalato, senza dubbio, il festival internazionale del balletto che a Siracusa è giunto ormai alla sua ventesima edizione. Gli spettacoli prenderanno il via il prossimo 29 luglio per concludersi il 9 agosto. Lo scenario sarà la piazza d’armi del Castello Maniace, nel centro storico di Ortigia. Tutti gli spettacoli si terranno pertanto all’aperto e saranno serali, con inizio alle ore 21.15. Scorrendo il programma ci si rende conto come gli spettacoli siano veramente per tutti i gusti, proponendo dal tango all’hip hop e ancora sirtaki o spettacoli celebri come Cenerentola o il lago dei cigni.
Il programma completo della manifestazione così come maggiori informazioni sui vari spettacoli sono reperibili sul sito ufficiale del festival internazionale del balletto di Siracusa www.festivalballettosiracusa.com.

Foto da www.festivalballettosiracusa.com

Andar per catacombe…

Anche quest’anno, come già avvenuto in passato, sarà possibile approfittare della calde serate estive per visitare alcuni siti archeologici e monumentali di Siracusa solitamente chiusi al pubblico. L’iniziativa, dal titolo “Siracusa Sacra” è promossa dalla cooperativa Kairos col patrocinio del comune di Siracusa, dell’arcidiocesi e della pontificia commissione di archeologia sacra. Dal 19 luglio al 29 agosto ben tre siti vigna-cassia.jpgsaranno visitabili in giorni settimanali prefissati. Si tratta delle catacombe di Vigna Cassia, delle catacombe di Santa Lucia e degli ipogei della chiesa di San Filippo Apostolo. Ognuno di questi siti è fruibile soltanto in occasioni particolari e, pertanto, quale occasione di questa per concedersi una passeggiata serale, quando finalmente le temperature calano un pochino, per scoprire angoli meno noti di Siracusa ?
Le catacombe di Vigna Cassia, ubicate vicino all’attuale caserma dei Vigili del Fuoco permettono di scoprire gli stretti cunicoli ed i resti di affreschi lasciati in questo cimitero dei primi secoli del cristianesimo. Simili le catacombe di Santa Lucia che aggiungono il fascino di collegare tra di loro sotterraneamente la chiesa di Santa Lucia ed il sepolcro. Una vera novità infine la chiesa di San Filippo Apostolo, in Ortigia, riaperta soltanto recentemente dopo un lungo restauro e sotto la quale insistono degli ipogei utilizzati fino alla scorso conflitto mondiale come rifugi antiaerei.
Le visite guidate si terranno con inizio alle ore 21 ed alle ore 22.  Il lunedì ed il giovedì sarà possibile visitare Vigna Cassia, martedì e venerdì Santa Lucia e mercoledì e sabato San Filippo. E’ consentito un massimo di 20 partecipanti e, pertanto, è necessaria la prenotazione telefonica al numero 0931.64694.

Immagine: le catacombe di Vigna Cassia (foto tratta da www.kairos-web.com)

Tutti al Plemmirio a guardare le stelle !

codas.jpgL’estate, si sa, è anche la stagione delle notti passate a guardare il cielo stellato. Ecco allora che capita di proposito l’iniziativa promossa dal C.O.D.A.S. (Centro Osservazione e Divulgazione Astronomica – Siracusa). Domenica 18 luglio, l’associazione di astrofili attiva a Siracusa da quasi vent’anni, organizza una serata di osservazione astronomica pubblica. La serata, chiamata “Telescopi al Plemmirio” si svolgerà presso la Chiesa della Madonna della Roccia, al Plemmirio appunto, poco prima del faro di Capo Murro di Porco. La serata è aperta a quanti vogliano passare alcune ore con il naso all’insù ad ammirare le meraviglie del cielo stellato. Gli appassionati porteranno una serie di strumenti astronomici, dai binocoli ai telescopi, che verranno messi a disposizione dei partecipanti. Sarà così possibile vedere i crateri lunari o le bande gassose di Giove o ancora degli ammassi stellari, direttamente attraverso l’oculare di un telescopio. Spazio però verrà dato anche all’osservazione ad occhio nudo, che non perde mai il suo fascino. Ecco allora che con l’ausilio dei membri del Codas si potranno riscoprire gli allineamenti delle più celebri costellazioni estive e gli antichi miti che sono legati alle stesse.
Appuntamento domenica sera, allora, a partire dalle ore 21 presso la Chiesa del Plemmirio. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito dell’associazione www.codas.it

Immagine: serata di osservazione astronomica pubblica organizzata dal Codas (foto da www.codas.it)

In difesa del mare e della costa

pillirina.jpgE’ da diverse settimane ormai che voci ufficiose ma mai smentite fanno temere per le sorti di uno dei più bei lembi di costa siracusani. L’area è la lunga scogliera, inframezzata da piccole baie con qualche spiaggetta, che va dalla cosidetta spiaggia della “Pillirina” in direzione di Capo Murro di Porco, estrema punta della Penisola Maddalena. Un’area che in mare è già protetta grazie alla riserva marina del Plemmirio e che, finora, nella sua parte terrestre, aveva mantenuto il suo aspetto selvaggio e suggestivo, privo di grandi costruzioni. Un rifugio tranquillo per quanti cercavano un mare pulito e non eccessivamente affollato.
Alcune settimane fa, invece, diverse associazioni ambientaliste hanno segnalato il rischio che i terreni di quell’area vengano acquisiti  integralmente da una società privata con lo scopo di farvi un grande villaggio turistico.
La segnalazione sembra poggiare su solide basi visto che in contemporanea parecchi giornali locali hanno pubblicato immagini dei progetti di questa struttura.
Chi scrive su questo blog ha sempre sostenuto che il turismo può essere una grande risorsa per Siracusa che sta pian piano esaurendo il suo ciclo di polo industriale che ha sì portato lavoro ma anche gravissimi danni ambientali alla città. Non si deve però commettere nello sviluppo turistico lo stesso errore commesso decenni orsono nello sviluppo industriale: l’espansione selvaggia ed incontrollata e, soprattutto, priva di criterio. Un villaggio turistico storico in quell’area esiste già e poco distante. Fino allo scorso anno, si parlava ripetutamente anche della realizzazione di un altro villaggio nella vicina zona di Terrauzza. Ben venga la voglia di fare finchè questa non diviene urbanizzazione selvaggia che porta alla perdita degli ultimi tratti di mare libero, specie se questo è in un’area marina protetta.
Sono in molti a condividere queste opinioni, tanto che è nato in questi giorni un nuovo comitato che riunisce al momento ben 40 associazioni cittadine e che vede tra i promotori più illustri il campione del mondo di apnea Enzo Maiorca, i critici d’arte Vittorio Sgarbi e Paolo Giansiracusa, il soprintendente emerito Giuseppe Voza e i responsabilli dell’area marina Nuccio Romano ed Enzo Incontro. La prima azione comune è stata quella di lanciare un appello affinchè il ministero dell’ambiente ed il sindaco intervengano per far chiarezza sulla questione e rivedere le previsioni del piano regolatore in quell’area. I cittadini si mobilitano, insomma, per salvare il loro mare prima che sia troppo tardi !

Immagine: La spiaggia della Pillirina, uno delle ultime spiagge incontaminate, rischia scomparire (foto: S.Leggio/Sicilystockphoto.com)

Una festosa invasione di barche a vela

regata3.jpgE’ in corso di svolgimento, dallo scorso 10 luglio la storica regata internazionale Malta-Siracusa, uno degli appuntamenti di vela più attesi dagli appassionati siracusani di sport nautici. Dal 9 all’11 luglio si è svolta la cinquantesima edizione della regata che vede tra i suoi promotori la Sezione siracusana della Lega Navale Italiana ed il Royal Malta Yacht Club. Quest’anno si è registrato un vero e proprio record di partecipanti con ben 104 equipaggi iscritti. Oggi e domani buona parte delle barche a vela sarà nuovamente impegnata in due competizioni che animeranno lo specchio d’acqua antistante Siracusa. Si tratta delle due regate del cinquantenario. La prima partirà questa mattina alle ore 10.30 e si svolgerà nelle acque del Porto Grande. La seconda invece avrà luogo martedì, sempre con partenza alle ore 10.30 e comprenderà un tratto di 8 miglia da svolgersi nella rada di Siracusa. Si tratta di una regata costiera e di una regata su boe, organizzate appositamente per festeggiare la cinquantesima edizione della regata internazionale che vide la sua prima partenza nel lontano 1952. Le premiazioni avverranno al termine delle gare presso la sede della Lega Navale in Piazza Lepanto.
Un’occasione da non perdere anche per riscoprire la Marina liberata dai cassoni di cemento che la ingombravano e recentemente riasfaltata e vedere al contempo le acque del porto “invase” da una vera e propria flotta di barche a vela.
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito della sezione di Siracusa della Lega Navale Italiana.

Foto tratta dal sito del Royal Malta Yacht Club, coorganizzatore della regata

Summit di ministri a Siracusa

prestigiacomo.jpgSebbene solitamente il post del venerdì sia dedicato alla segnalazione di eventi musicali, di cultura o di spettacolo o a consigli per trascorrere il fine settimana, questo sabato, fuor di dubbio, l’appuntamento di maggior rilievo in città sarà un convegno politico.
Dopo i fasti del G8 Ambiente, tenutosi lo scorso anno, ancora una volta sarà il medievale Castello Maniace a fare da sfondo ad una tavola rotonda dedicata al tema del “Mezzogiorno e del federalismo”.
Prevedibile che l’evento sarà di quelli che, almeno in parte, paralizzerà la città e attirerà l’attenzione, indipendentemente dal proprio credo politico.
Il convegno infatti è promosso dalla neonata fondazione “Liberamente”, vicina alla maggioranza. L’elenco degli interventi e dei partecipanti è ancora incompleto ma, a scorrere i nomi, si può quasi parlare di un consiglio dei ministri in miniatura. Oltre al ministro per l’ambiente Stefania Prestigiacomo, madrina dell’evento, saranno sicuramente presenti il ministro dell’istruzione Gelmini e quello delle pari opportunità Carfagna. Ed ancora il ministro degli esteri Frattini oltre ad una serie di altri nomi noti del mondo della politica, ecclesiastico e culturale: il giornalista Paolo Mieli, l’economista Bob Leonardi, il vescovo Michele Pennisi, il presidente della regione Lombardo ed il senatore Dell’Utri.
Insomma, un appuntamento di grande interesse per i simpatizzanti della maggioranza (anche se sembra che accrediti e pass siano ormai da tempo introvabili) ma anche per quelli dell’opposizione che intendono approfittare dell’evento -anche mediatico- per dar battaglia e organizzare un sit-in di protesta.
Svariati comitati di precari, in primis della scuola, hanno chiamato a raccolta i propri aderenti da tutta la regione per organizzare una protesta davanti all’ex Caserma Abela, accanto all’ingresso del Castello Maniace.
Il convegno durerà l’intera giornata e sicuramente, in questo momento di grandi trasformazioni politiche, non mancherà di avere un’impatto anche sulla situazione nazionale.

Immagine: Il ministro Stefania Prestigiacomo, organizzatrice del convegno (foto tratta da Virgilio Notizie)