La ricomparsa del treno del barocco

Un argomento che volevo da tempo tornare a trattare tra le righe di questo blog era il “treno del barocco“, la romantica ferrovia che da alcuni anni ormai ravviva l’ormai morente tratta ferroviaria Siracusa-Ragusa accompagnando turisti e residenti alla scoperta delle cittadine barocche del Val di Noto. Che l’antica linea ferrata che collega il capoluogo aretuseo con Ragusa non goda di buona salute, non è un stazione.jpgsegreto per nessuno. Un solo binario, non elettrizzato e percorso da un sempre minore numero di convogli porta questa linea dell’estremo sud ben al di sotto degli standard nazionali. Eppure il percorso merita ben di più, non fosse altro per gli splendidi paesaggi che si trova ad attraversare. Siracusa, Noto, Modica, Scicli, Ragusa, non solo una sequenza di stazioni ferroviarie ma anche un’incredibile serie di città patrimonio mondiale dell’Unesco. Una concentrazione di beni culturali con pochi eguali al mondo inframezzata dalla più tipica e suggestiva delle campagne siciliane. Alcuni anni orsono, grazie all’iniziativa Maratonarte ed alla relativa raccolta di fondi si riuscì a “resuscitare” questa tratta per scopi turistici istituendo il treno del barocco. Nel corso dei mesi estivi una suggestiva locomotiva a vapore e delle carrozze d’epoca toccavano le principali cittadine barocche. Non un treno per pendolari ma un vero e proprio treno per turisti con lunghe tappe in ogni stazione che consentissero di scendere per visitare la città e di usufruire dei servizi promozionali messi a punto dai vari comuni. Tra un intoppo e l’altro, in questi anni il treno è sempre riuscito ad andare avanti. La locomotiva a vapore ha ceduto il posto ad un più moderno locomotore diesel. Il numero di corse è diminuito ma, fino alla scorso anno, dietro prenotazione, il treno del barocco era addirittura gratuito, consci del grande ritorno d’immagine e turistico che una tale iniziativa può portare.
Ecco allora che questo nuovo post era già in cantiere per lamentare la mancata attivazione del nostro treno per l’anno 2010 quando ecco la buona (e inaspettata) notizia. Anche nel 2010 il treno del barocco ci sarà ! Le corse dovrebbero essere ogni domenica con partenza da Siracusa a partire dal prossimo 12 luglio. E’ un piacere dover rettificare una notizia prima ancora di averla scritta. Non si sanno ancora i dettagli: costi, composizione del convoglio e servizi per i passeggeri. In passato il treno era stato allestito anche come un vero e proprio convoglio-museo o si era provveduto ad un’animazione a bordo e nelle stazioni. Quest’anno ancora tutto da definire ma, se non altro, il suggestivo servizio turistico tornerà ad essere attivo per la gioia di visitatori e non solo. Certo, magari programmandolo prima e pubblicizzandolo a dovere nel circuito nazionale, questo itinerario, unico nel panorama italiano, poteva essere di per sè un motivo di attrazione per visitatori. Certamente l’istituire una tratta ferroviaria con due sole settimane di anticipo non ne permette la promozione che merita. Ancora una volta consoliamoci con gli antichi adagi: “chi si accontenta gode” e, domenica 12 luglio… tutti alla stazione a veder ripartire il treno del barocco.

Il ritorno della Marina

SIC-IMG6268m.jpgDopo quasi due anni di attesa la Marina è finalmente tornata libera ! Da alcuni giorni, passeggiando nel centro storico, lungo il Foro Italico, la visuale del mare non è più negata dagli orribili cassoni di cemento posti li per scopi di cantiere. Alla fine, nonostante il comprensibile scetticismo ormai sviluppato dai più (basta leggere i passati post dedicati su questo blog all’argomento), il lavoro delle gru e dei rimorchiatori è proceduto celere, togliendo i manufatti in calcestruzzo e ricollocandoli, temporaneamente, nella zona industriale. I Siracusani, dunque, almeno quest’estate avranno di nuovo la loro passeggiata alla Marina. Certo, gli interrogativi, e, soprattutto, le perplessità rimangono ancora tante. Il mare è di nuovo a vista ma la banchina, almeno al momento non è certo un bel vedersi. Adesso per completare l’opera occorre che chi di dovere provveda a sgomberare i resti del cantiere per il porto turistico e a riparare lo strato d’asfalto. Le piazzole che servivano per l’ormeggio ed i servizi a yacht e barche a vela sono ovviamente scomparse da tempo. Sono in molti però (e non solo gli operatori commerciali che sono stati i più colpiti da questa situazione) a ripiangere le afose notti estive quando la banchina della marina era gremita da barche da turismo di tutte le stazze che facevano la gioia del pettegolezzo e, a volte, regalavano soprese quali vip italiani e star di Hollywood che inaspettatamente toccavano terra per passeggiare in quel di Ortigia.
Insomma, a conti fatti era stato promesso un sensazionale porto turistico ma, fin qua, nonostante le assicurazioni, la città ne ha avuto solo disagi e disservizi. I tempi celeri promessi si sono dilungati a dismisura e la riqualificazione che doveva portare tarda ad arrivare mentre solo un intervento della magistratura, ironia della sorte, ha consentito le condizioni per la rimozione delle strutture di cemento armato autorizzate (da non si sa chi) in quel luogo splendido. Si dice che il progetto non è fermo e che Siracusa avrà il porto turistico che merita. Quel poco che molti cittadini hanno invece finora constatato è la validità dell’antico motto “si stava meglio, quando si stava peggio). Ci sarà il porto turistico ? Vedremo. Per il momento però evviva il ritorno della cara vecchia Marina.

Immagine: con la rimozione dei cassoni di cemento il mare e le barche tornano a far capolino sul lungomare di Ortigia (foto: S.Leggio/Siracusareport.tk

Letteratura, sport o teatro ?

lisistrata.jpgSi preannuncia un fine settimana ricco di eventi grandi e piccoli in città. Con l’arrivo dell’estate, fortunatamente, le iniziative per animare la città vanno moltiplicandosi. Tra gli eventi segnaliamo allora per gli appassionati di letteratura (ma anche di musica), la XV edizione del Premio Vittorini. La manifestazione, patrocinata dalla provincia regionale di Siracusa, è ormai una tradizione consolidata nel panorama culturale cittadino. Con il premio, intitolato all’autore siracusano, vengono insigniti scrittori italiani viventi, autori di opere di narrativa. Una sezione apposita è dedicata alle “opere prime”. I vincitori dell’edizione 2010 sono Nicola Lagioia con “Riportando tutto a casa”, Paolo Sorrentino con “Hanno tutti ragione”, Nino Vetri con “Lume, Lume” e, per l’opera prima, Giulia Villoresi con “La Panzanella”.
La manifestazione si svolgerà questa sera alle ore 21.30 al teatro greco. La conduzione della serata è affidata a Fabrizio Frizzi mentre sono previsti dei momenti musicali con Patty Pravo e Gino Paoli. Maggiori informazioni sono reperibili sul sito ufficiale del Premio Vittorini.
Per gli appassionati di sport ricordiamo che alla cittadella dello sport sono ancora in corso di svolgimento i campionati italiani di scherma. Le gare si svolgeranno fino a domenica. In particolar modo si segnalano sabato pomeriggio le finali del fioretto femminile con la presenza di diverse campionesse delle passate olimpiadi. Informazioni sul sito ufficiale della manifestazione.
Infine, sabato sera, 26 giugno, alle ore 20.30, sempre al teatro greco, nell’ambito del XLVI ciclo delle rappresentazioni classiche, l’INDA metterà in scena Lisistrata di Aristofane. Un’ultima occasione per assaporare ancora le grandi opere dell’antichità greca prima della chiusura di questo ciclo di spettacoli classici. Informazioni sul sito ufficiale dell’INDA.

Al via i campionati di scherma

scherma2.jpgComincerà domani, 24 giugno, i quattro giorni siracusani dedicati alla scherma. Come già anticipato la scorsa settimana, si svolgeranno infatti in città i Campionati Assoluti Italiani di Scherma. Diamo allora qualche dettaglio in più per poter seguire l’evento sportivo.
Le gare si svolgeranno presso la cittadella dello sport, al Palazzetto “Concetto Lo Bello”.
Il fitto programma delle competizioni prevede i seguenti appuntamenti:

Giovedì 24 giugno
– ore 08.45    Fioretto Maschile
– ore 10.45    Spada Femminile
– ore 14.15    Sciabola Femminile

Venerdì 25 giugno   

– ore 09.00    Spada Femminile a squadre
– ore 09.30    Fioretto Maschile a squadre
– ore 14.45    Sciabola Femminile a squadre

Sabato 26 giugno   

– ore 08.30    Spada Maschile
– ore 08.30    Fioretto Femminile
– ore 14.15    Sciabola Maschile

Domenica 27 giugno   

– ore 08.30    Fioretto Femminile a squadre
– ore 09.30    Spada Maschile a squadre
– ore 14.30    Sciabola Maschile a squadre

Sarà un’occasione, anche per quanti non seguono con costanza questo sport, per vedere dal vivo i campioni italiani ed alcuni campioni delle ultime olimpiadi: Valentina Vezzali, Giovanna Trillini, Margherita Granbassi, Andrea Baldini, Andrea Cassarà, solo per fare alcuni nomi.
L’inaugurazione ufficiale dei campionati invece avverrà la sera di giovedì 24 al teatro greco, a partire dalle ore 20. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento dei posti e vedrà la presentazione degli atleti partecipanti e la partecipazione dei vertici sportivi e dei responsabili degli enti che hanno patrocinato l’iniziativa.
Una settimana originale ed insolita dunque per Siracusa che sarà letteralmente invasa da più di 250 atleti, più di 1000 addetti allo staff ed innumerevoli appassionati di scherma. Maggiori informazioni sono reperibili sul sito www.siciliascherma.it


Un bus chiamato desiderio

bus3.jpgProbabilmente il titolo di questo post, parafrasi del titolo di un famoso film degli anni cinquanta, ben riprende la realtà del trasporto pubblico urbano a Siracusa.
Quanti, di tanto in tanto, si soffermano a leggere questo blog, ben sanno che i problemi di Siracusa e, in particolar modo quelli legati al traffico ed al trasporto, sono un tema caro a chi scrive, tanto da essere stati trattati a più riprese.
Eccoci allora, ancora una volta a fare il punto della situazione, solo per constatare che, purtroppo, nulla è mutato.
A Siracusa la qualità del servizio di trasporto pubblico e, in generale della mobilità alternativa, è bassissimo, con la conseguenza che solo chi vi è costretto abbandona la comodità dell’automezzo privato per avventurarsi in un viaggio dagli esiti incerti.
Gli autobus che attraversano la città sono spesso vecchi e sporchi, la puntualità inesistente ed i percorsi poco funzionali. Chi cerca di viaggiare con i mezzi pubblici sa bene che l’orario di passaggio dell’autobus equivale ad una variabile matematica di non facile individuazione.
bus1.jpgPazienza allora, bisogna rassegnarsi ad aspettare alla fermata che, certamente, non versa in condizioni migliori. Le fermate dotate di pensilina per potersi riparare dalle intemperie, nel corso delle lunghe attese, sono pochissime. Ancora meno quelle dotate di una panchina. Nulla di cui meravigliarsi se si pensa che lo stesso capolinea, ubicato vicino alla stazione, consiste in un triste marciapiede con un prefabbricato come biglietteria e neanche un servizio igienico.
Il cittadino o meglio, il viaggiatore rassegnato, non può che chiedersi di chi sia la colpa di tanto degrado. Probabilmente, come sempre accade, sono in molti a metterci la loro.
Come poter biasimare la scarsa puntualità dei bus (la velocità media cittadina è tra le più basse d’Italia) se sono praticamente inesistenti le corsie preferenziali ? Come criticare le misere pensiline quando (se la memoria non inganna) il comune chiese pazienza in quanto Siracusa, città d’arte, meritava “pensiline artistiche”, degne della sua storia che, però ebbero la disdetta di non trovare attuazione.
D’altro canto, anche il gestore del servizio non sembra propenso a cercare soluzioni che migliorino la situazione cittadina. La puntualità si ottiene imponendola al proprio personale di servizio e a nulla valgono le lamentele (più volte addotte) che gli introiti dei biglietti sono insufficienti. E’ ovvio che con uno scarso servizio pubblico poche persone utilizzino l’autobus. Pochi di questi poi comprano il biglietto se bus2.jpgsono coscienti che non vi sarà mai alcuna forma di controllo. Perchè mai poi non sia possibile comprare il ticket sul mezzo stesso rimane un mistero insoluto. L’azienda lamenta che i contributi regionali sono insufficienti per garantire un servizio migliore ma forse, questo dettaglio, andava pensato al momento di accettare il servizio. In altre città magari si cercano introiti alternativi derivanti dalla pubblicità sui mezzi e sulle pensiline ma, a ben guardare, non sembra, a Siracusa una soluzione di successo.
Appena pochi mesi fa, l’assessorato ai trasporti aveva promesso fuoco e fiamme e la rescissione del contratto se Siracusa non avesse avuto una mobilità degna di tale nome. Oltre ad un trasporto urbano efficace si vagheggiò di car-sharing, più bus navetta per il centro storico  e di un bike-sharing sempre più sviluppato. Ciliegina sulla torta sarebbero stati i costosissimi piani denominati PUM e PUT, inerenti il traffico e che avrebbero finalmente consentito di programmare la viabilità in città.
Non nascondiamolo, di fronte a tanti buoni propositi manifestati all’inizio dell’anno, da cittadini fiduciosi, eravamo quasi propensi a credere in “buone nuove” sul fronte del traffico. Evidentemente ci si sbagliava: le piogge invernali devono aver spento le fiamme promesse e, alla vigilia dell’estate, il trasporto pubblico urbano, continua a rimanere tristemente al palo.

Dieci giorni tra scherma e boxe

scherma.jpgNei prossimi giorni Siracusa sarà sede di diversi eventi sportivi di rilievo. Si tratta di sport magari meno seguiti dal grande pubblico ma, gli appuntamenti, sono di di spessore ed in grado di attirare anche quanti sono solo incuriositi da queste discipline.
Questa sera sarà dedicata alla boxe. Presso una nota pizzeria siracusana, col la splendida scenografia del porto grande, si terrà la “Notte della grande boxe” (info su Facebook, biglietti € 28). Tra gli incontri previsti spiccano la semifinale del campionato dell’Unione Europea, che vedrà affrontare Giuseppe Rossitto e Mihaly Kratky e l’incontro del campionato intecontinentale che contraporrà Phil Lo Greco e Slawomir Ziemlewicz.
La prossima settimana invece sarà la volta della grande scherma. La città aretusea sarà infatti sede dei Campionati Italiani Assoluti di Scherma. Gli incontri si terranno alla cittadella dello sport dal 24 al 27 giugno mentre le finali saranno al teatro greco. Ad affrontarsi saranno i migliori campioni italiani per il titolo 2010. Tra atleti, team ed organizzazione si pensa che la città verrà invasa da oltre 1000 addetti ai lavori, accorsi appositamente per l’evento. Un’occasione di rilievo, quindi, in cui tanti siracusani potranno avvicinarsi al mondo del fioretto, della spada o della sciabola. Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito internet ufficiale dell’evento.

Immagine: un momento di un incontro di scherma (foto tratta dal sito siciliascherma.it)

Solarium e vele blu

Buone notizie per gli amanti del mare ! La prima viene dalla vicina Noto. Ancora una volta le spiagge della cittadina barocca sono state riconfermate da Legambiente e dal Touring Club tra le più pulite d’Italia. Risale infatti a pochi giorni fa la notizia che, anche nell’edizione 2010 della Guida Blu, il Lido di Noto ha guadagnato le 5 vele, il massimo voto. Si tratta di un giudizio complessivo che tiene conto oltre che della qualità del mare anche dei servizi disponibili e dell’interesse storico, artistico e ambientale del territorio.
solarium2.jpgUn’ennesima conferma quindi, se ancora ce ne fosse stato bisogno, per alcune delle spiagge più amate dai Siracusani che, ogni anno, oltre alla tradizionale Noto Marina, affollano anche le vicine spiagge di Eloro, Calamosche o Vendicari, forti della riserva naturale o le incontaminate spiagge dell’estremo sud dell’isola, da Marzamemi a Portopalo.
Per quanti invece non vogliono compiere parecchi chilometri per raggiungere il mare, un’altra notizia positiva. Tra pochi giorni verrà nuovamente completato l’allestimento del solarium di Forte Vigliena, in Ortigia. Il solarium, in pieno centro storico, è ormai divenuto un’attesa tradizione da parte della cittadinanza che può godere del sole e del mare senza dover uscire dal perimetro urbano. Oltre a questo solarium, allestito dal comune, è prevista la realizzazione di diversi altri solarium a gestione privata, in parte sul lungomare di levante in Ortigia (Castello Maniace e Via dei Tolomei) e uno ulteriore sulla piccola spiaggetta posta sotto la Fonte Aretusa. Le temperature di questi giorni non fanno che confermare il pieno arrivo dell’estate, approfittiamone allora per cercare un po’ di frescura !

Antigone per l’AVIS

Ricorre oggi la giornata mondiale del donatore di sangue, una delle forme di volontariato più generose e nobili e che ,nel nostro paese, deve ancora trovare maggiore sviluppo.
Si tratta di una tematica importante, soprattutto con l’avvento della stagione estiva quando il numero delle donazioni va sempre diminuendo.
teatro_greco.jpgE’ importante parlare della tematica e sensibilizzare la popolazione anche con momenti di festa e di incontro. Ecco perchè proprio oggi si terrà a Siracusa un importante evento nazionale che sarà occasione di incontro per le varie delegazioni AVIS ma anche aperta a tutta la cittadinanza.
Si tratta della rappresentazione dell’Antigone di Sofocle. Il dramma verrà messo in scena nella splendida cornice del teatro greco, che in questi giorni ospita le rappresentazioni classiche.
A recitare saranno gli allievi della scuola di teatro “Giusto Monaco” dell’INDA (l’istituto nazionale del dramma antico) e gl allivevi del 3° nucleo internazionale.
Lo spettacolo, ad ingresso gratuito, inizierà alle ore 17.30 e prevede anche interventi di autorità e personaggi celebri. Tra questi il ministro Stefania Prestigiacomo, il presidente della regione Lombardo, il musicista Roy Paci e l’atleta Stefano Barrera, campione nazionale di fioretto. La serata sarà condotta da Nuccio Sciacca.
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell’INDA e sul sito dell’AVIS.

Al via il festival “Magie Barocche”

santaluciabadia.jpgE’ stato inaugurato ieri a Roma ed avrà una parallela inaugurazione domani a Siracusa il 3° festival internazionale del Val di Noto “Magie Barocche”.
Si tratta di una serie di manifestazioni che per l’intera estate (dal 10 giugno al 4 settembre) metterà insieme musica di altissimo livello con gli splendidi scenari barocchi del Val di Noto. La manifestazioe vede il patrocinio del ministero per i beni e le attività culturali. Il primo appuntamento, come detto, è previsto per sabato 12 giugno, alle ore 21 presso la Chiesa di Santa Lucia alla Badia, in Piazza Duomo a Siracusa. Il titolo dell’evento musicale è “Magie d’ombra et di luce. Historia senza attione, intorno a Michelangelo Merisi”. Lo scenario è stato scelto proprio in quanto la chiesa di Santa Lucia alla Badia ospita il dipinto “Seppellimento di Santa Lucia”, realizzato dal Caravaggio a Siracusa.
Si tratterà di un concerto di suoni, luci e parole, ideato per la ricorrenza del IV centenario della morte del Caravaggio. Ad esibirsi sarà l’Ensemble Seicentonovecento & Cappella Musicale di San Giacomo mentre Galatea Ranzi ed Enrico Lo Verso saranno le voci recitanti. Le musiche sono di Paolo D’Aragona, Emilio De’ Cavalieri, Girolamo Frescobaldi, Paolo Quagliati e Scipione Stella con la direzione di Flavio Colusso e la regia di Marco Andriolo.
Dopo il primo evento, il programma proseguirà con una ricca serie di avvenimenti che toccheranno i più incantevoli centri barocchi del sud-est, affiancati sempre dai più raffinati esecutori contemporanei di musica barocca.
Maggiori informazioni ed il programma completo sono reperibili sul sito ufficiale del festival “Magie Barocche”.

Immagine: la chiesa di Santa Lucia alla Badia dove si terrà il concerto di sabato (foto: cortesia C. Larosa)

Chiusa una strada… se ne apre un’altra

nuovavia.jpgPrestate attenzione se dovete muovervi in città nelle ore di punta. Il sindaco ha infatti disposto con un’ordinanza la chiusura al traffico di Riviera Dionisio il Grande, la stretta ma trafficatissima arteria urbana che collega i quartieri settentrionali della città con la parte bassa. La chiusura è dovuta a ragioni di sicurezza, a causa di un edificio fatiscente che rischia il crollo. Non si tratta certo di una buona notizia per gli automobilisti nel già martoriato traffico cittadino.
Unica nota positiva è stata l’apertura d’urgenza della nuova via parallela a Riviera Dionisio il Grande. La nuova arteria (ancora senza nome per mancanza di accordi sull’intestazione della nuova strada), lo ricordiamo, è stata realizzata sul vecchio tracciato ferroviario dismesso.
Il suo scopo doveva essere proprio quello di alleggerire la fin troppo congestionata Riviera Dionisio (finalità che adesso verrà a mancare data la chiusura a tempo indeterminato della strada) ma la sua inaugurazione è stata di mese in mese rinviata senza una precisa spiegazione. Ultima in ordine di tempo l’inaugurazione prevista per il mese scorso, in occasione della giornata nazionale della bicicletta. La nuova via infatti contiene in parallelo una pista ciclabile che va ad allungare quella che già corre lungo il lato nord della costa siracusana.
Insomma, dove la burocrazia non è riuscita ha provveduto la necessità. Tutti a testare la nuova arteria allora, se non altro per cause di forza maggiore.

Immagine: la nuova via, pronta da tempo è stata inaugurata per motivi di forza maggiore (foto: S.Leggio/Siracusareport.tk)